Stazione di Campiglia, problemi e disagi: l’avevamo detto

Stazione di Campiglia, problemi e disagi: l’avevamo detto

Comunicato in seguito all’articolo di oggi su Il Tirreno a proposito della pericolosità del piazzale di fronte alla stazione.

 

Non è educato dire “l’avevamo detto” quando si presenta un problema facilmente prevedibile, ma è importante ricordare.

A proposito della stazione di Campiglia oggi i problemi di transito non ammissibile, di parcheggio selvaggio, di eccesso di velocità vengono denunciati e attribuiti all’inciviltà delle persone. E se questo è in parte vero, si dimentica PERO’ che la causa principale è un progetto sbagliato fin dall’inizio, non solo esteticamente, ma anche funzionalmente.

A questo proposito il Comitato per Campiglia già nel 2013 sottolineava l’assurdità di una costosa sistemazione che non prevedeva punti di sosta breve per carico e scarico di persone e bagagli, che non prevedeva posti per taxi in aderenza al marciapiede di accesso all’ingresso della stazione, che aveva realizzato parcheggi pubblici in fregio alla banchina ma lontani dalle biglietterie e nel complesso che aveva creato un ambiente mal gestibile e brutto.

Oggi si chiede di mettere le pezze ad un vestito nato con i buchi e il tutto come al solito a spese dei cittadini, quando una maggiore attenzione fin dall’inizio avrebbe evitato gran parte dei problemi che oggi vengono attribuiti solo ed esclusivamente all’inciviltà di qualcuno.

Comitato per Campiglia
Alberto Primi

Leggi anche:

La lottizzazione della Stazione, o come distruggere un territorio 13.5.2014

La stazione di Campiglia? Una location per film di paura! 9.10.2013

Più brutto e più inutile non si può… 23.4.2013

Sulla stampa:

Stile Libero

Qui News Valdicornia

– Il Tirreno:

tirreno 21.6

image_pdfSalva Pdfimage_printStampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.