Reazione di Giù le mani da Baratti al percorso partecipativo

Apprendiamo dalla stampa che domenica 14 novembre inizia il “percorso partecipativo” organizzato dall’Amministrazione comunale di Piombino “per raccogliere indicazioni utili all’elaborazione del Piano particolareggiato” di Baratti e Populonia. Ad oggi il comitato “Giù le mani da Baratti” non ha ricevuto alcuna comunicazione ufficiale a tal riguardo.

Il carattere pubblico dell’appuntamento non esclude che il Comitato si aspettasse un invito formale da parte del Comune, anche come riconoscimento del ruolo che sta svolgendo per contribuire a rendere più ampio e democratico il percorso partecipativo. Detto questo, non possiamo che esprimere la nostra soddisfazione per l’opportunità che, grazie alle nostre sollecitazioni, viene data ai cittadini di incontrare tecnici e amministratori con i quali interloquire per capire, dialogare ed avanzare proposte nel corso di un confronto che ci auguriamo sia aperto, libero e senza “paletti”.

Tutto può e deve essere discusso, compresa la destinazione d’uso del Casone e la privatizzazione di alcuni tratti della poca spiaggia rimasta ponendo semmai al primo posto, come priorità assoluta, l’obiettivo di fermare l’erosione.

Ribadiamo quindi la posizione del Comitato, approvata all’unanimità dall’affollatissima assemblea del 29 ottobre scorso, per fare in modo che si apra una discussione vera nel segno della trasparenza e della chiarezza coinvolgendo istituzioni come le Sovrintendenze e autorevoli competenze accademiche e culturali: 1. Definire il quadro d’insieme di Baratti nella sua interezza e complessità; 2. acquisire dati certi e completi; 3. individuare la vocazione principale del luogo – e cioè la centralità del parco archeologico – che deve essere mantenuta e tutelata allo scopo di salvaguardare l’identità e l’integrità del golfo; 4. stabilire quale tipo di turismo è compatibile con le caratteristiche del luogo, in funzione del quale dotare Baratti delle strutture necessarie a migliorare e integrare i servizi per lo sviluppo e la qualificazione di una moderna forma di turismo aperto e alla portata di tutti.

Per questo invitiamo tutti i cittadini ad accogliere l’invito dell’Amministrazione comunale per il primo di questi appuntamenti alle ore 10 di domenica prossima sul prato di Baratti.

Il Comitato “Giù le mani da Baratti”

Piombino, lunedì 8 ottobre 2010

image_pdfSalva Pdfimage_printStampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.