“Più che del colore delle panchine è bene che i residenti non si occupino”

“Più che del colore delle panchine è bene che i residenti non si occupino”

Dopo le dimissioni di Alberto Primi dal Comitato per la Partecipazione previsto dal  progetto partecipativo “Facciamo centro insieme”, un nostro socio, proprietaria di una casa in via Dini a Campiglia, ci manda questo messaggio:

Che amarezza.

Mi rendo conto del significato che la  censura  sul questionario abbia  per il nostro Comitato e non solo.

E’ come dire che  più che del colore delle panchine è bene che i residenti non si occupino,  non hanno le competenze e poi  Fonte di Sotto e cave stanno fuori dal centro storico, il quale è e deve restare  circoscritto  dai miopi confini tracciati dalla “zona franca” di Apriti Borgo.

E anche le sollecitazioni del Comitato “geograficamente e territorialmente ” corrette  devono essere garbate,  limitate appunto a suggerimenti di natura estetica. rudere1

Ad esempio, a proposito della destinazione del rudere che insiste su via Dini (foto) è bene che il Comitato non se ne occupi, non faccia interpellanze o domande spinose.

Sia invece propositivo. Che dire di ricoprirlo di piante di cappero o, meglio, di vite americana per creare un suggestivo angolo verde?

Che amarezza..

Laura Riccio

image_pdfSalva Pdfimage_printStampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.