Scritte offensive su tutti i parcometri della Principessa

Scritte offensive su tutti i parcometri della Principessa

Azione a tappeto di alcuni teppisti durante la notte contro le macchinette per i nuovi posteggi a pagamento
La rabbia di dover pagare la sosta lungo la via della Principessa, per andare al mare a Rimigliano, è certamente alla base degli atti di vandalismo che hanno colpito, molto probabilmente la notte scorsa, quasi tutti i parcometri sistemati lungo la zona interessata dai parcheggi a pagamento. Quella rabbia che fino ai giorni scorsi era contenuta solo in parole scambiate tra pochi o sul web, si è concretizzata nello sfrgio sistematico delle macchinette per pagare la sosta.

I parcometri – in tutto venti – sono stati coperti di scritte a pennarello con frasi offensive nei confronti del Comune di San Vincenzo e del sindaco Michele Biagi. Un gesto assolutamente da condannare, ma che è anche specchio dell’insofferenza nei confronti di un balzello tutto nuovo e piuttosto salato nei pressi di un parco e di una spiaggia frequentatissimi e di grande valore naturalistico. Luoghi che si erano differenziati per molto tempo dalle zone vicine (tipo Baratti o la Costa Est) proprio per la possibilità di fruizione libera e gratuita.

Difficile dire se l’imbrattamento dei parcometri sia stato compiuto da una o più persone: i tipi di calligrafia che hanno tracciato le scritte sembrano comunque indicare l’azione di più persone. Quasi sicuramente l’atto vandalico è stato compiuto nella tarda serata di domenica o nella notte tra domenica e lunedì, visto che i parcheggi sono custoditi dal personale addetto fino alle ore 20.

«Non sono atti da condividere – commenta il sindaco Michele Biagi – La protesta dev’essere costruttiva e rispettosa. Questa non lo è. Andremo avanti sulla nostra strada, cercando di portare l’area verso l’obiettivo del pieno rispetto ambientale».

Intanto l’amministrazione comunale, attraverso un comunicato stampa, ha fatto sapere a quali soggetti siano destinate le esenzioni dal pagamento dei parcheggi sulla Principessa. A differenza di quanto scritto nelle ordinanze, dal comunicato non risultano esentati i diversamente abili. In questi giorni ci sono state, in proposito, alcune segnalazioni di cittadini. È il dirigente dell’area servizi generali Giorgio Ghelardini a chiarire il tutto, confermando l’esenzione anche per i diversamente abili. «Nel comunicato – spiega Ghelardini – non appaiono tra gli esentati i diversamente abili, perché per loro vale la normativa generale del codice stradale, che prevede l’esenzione in qualsiasi parcheggio a pagamento. Per legge – prosegue Ghelardini – sulla Principessa c’è un posteggio per diversamente abili ogni 50. Ma qualora – conclude il dirigente – un diversamente abile trovasse tali parcheggi riservati tutti occupati, potrebbe parcheggiare ovunque senza pagare niente».
Paolo Federighi – Il Tirreno 19.6.2012

image_pdfSalva Pdfimage_printStampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.