«Rimigliano, una bella tenuta con strutture decadenti» Replica di Benedettini a Alberto Primi (CxC)

«Fra i criteri di tutela del paesaggio io faccio rientrare anche il “bello” che, se fosse stato usato nel passato, ci sarebbe meno “brutto” di quello che esiste e che si vede». Inizia così la replica al presidente del Comitato per Campiglia Alberto Primi, di Gianfranco Benedettini che interpellammo come storico in merito alla questione degli edifici di Rimigliano.

“La tenuta di Rimigliano è molto “bella”, però le sue case sono “brutte” e decadenti, meglio farle “belle” e metterle in sicurezza. Il presidente del Comitato dice di non «volere la musealizzazione a tutti i costi del territorio” nei fatti, però, pende più per essa che per un possibile “sviluppo” dello stesso, per garantire occupazione (specie ora) ed armonia da ricercarsi nel rapporto con ciò che esiste.

L’ultimo capoverso della sua replica (la possibilità di costruire almeno ai margini della tenuta) è interessante ed intelligente, peccato che giunga in ritardo. Invece di polemizzare, questa proposta poteva e doveva essere fatta subito. Almeno c’era una base di confronto serio, perché ciò che è avvenuto fino ad oggi, così penso, è stato solo un battibeccare come i polli di Renzo».

La Nazione 14.10.2011

Per memoria:

“Nei criteri di tutela del paesaggio non rientra il “bello” Risposta di Alberto Primi a Benedettini 10.10.2011

Benedettini: «Le case di Rimigliano non sono dell’800» 8.10.2011

image_pdfSalva Pdfimage_printStampa

Un pensiero su “«Rimigliano, una bella tenuta con strutture decadenti» Replica di Benedettini a Alberto Primi (CxC)

  1. Non per continuare una replica sterile, ma vorrei informare il dr. Benedettini che il bello è una categoria precisa per cui “non è bello quel che piace”, “ma è bello quel che è bello” e questo vuole dire che ciò che è bello non necessariamente deve piacere a me, a lui o ad altri, come tanti casi insegnano nella storia delle arti.
    Con tutto il rispetto dovuto per la sua competenza in campo storico, non so se il Dr. Benedettini abbia competenze anche in merito alla critica dell’Architettura e mi piacerebbe sapere cosa intende per rendere “belle” le case “brutte” di Rimigliano.
    Temo che si tratti non di renderle belle ma di trasformarle in maniera irreparabile in modo che gli piacciano. Questo modo di procedere nella lettura del territorio è preoccupante visto che il dr. Benedettini non è un semplice cittadino, ma Assessore all’Urbanistica del Comune di Campiglia Marittima che dovrà decidere sulle trasformazioni del territorio.
    Gli ricordo poi che non è mai troppo tardi per rimediare ad un errore che rischiamo di dovere sopportare noi, i nostri figli ecc. ecc. ecc.

Rispondi a Alberto Primi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *