Regolamento urbanistico di Piombino: i suggerimenti dei cittadini vanno ascoltati

Mercoledì 20 luglio al pubblico presente al Rivellino sono stati illustrati i risultati emersi dal percorso partecipativo del Regolamento Urbanistico di Piombino. Questi hanno messo in luce suggerimenti dei cittadini sui cinque temi proposti per il percorso e la necessità di affrontare altri temi come la residenza e la produzione industriale, artigianale ed agricola.

In particolare sul tema della campagna è emersa la necessità che l’amministrazione, anche se la programmazione energetica è passata alla Regione, abbia una sua posizione sui rischi di distruzione del territorio agricolo a causa di previsti campi sterminati di pannelli fotovoltaici e parchi eolici posizionati senza un organico disegno.

Suggerimenti che potranno diventare proposte fondate o controproposte solo se il percorso partecipativo continuerà in altre fasi durante le quali siano messe a disposizione della cittadinanza attiva sia gli studi che stanno alla base del R.U. che le proposte di assetto territoriale già messe a punto dal Comune.

Solo in questo modo infatti si potrà veramente parlare di percorso partecipativo. Trattandosi di un tema complesso come un R.U., la partecipazione non sarà né facile né veloce, vista la quantità di informazione necessarie per permettere ai cittadini di capire.

E’ certo però, come ha suggerito il prof. Massimo Morisi, che l’occasione è importante e che questa sperimentazione, se attuata, permetterà all’Amministrazione di Piombino di effettuare una progettazione condivisa e consapevole con i cittadini che darà buoni frutti nella gestione democratica delle trasformazioni del territorio.

25 luglio 2011

Comitato per Campiglia

 

image_pdfSalva Pdfimage_printStampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.