Polemiche sul progetto Baratti

Contrari sia i residenti che i turisti. Coro di no all’ipotesi di vietare Baratti e Populonia alle auto

Non convince piombinesi e turisti l’ipotesi della limitazione del traffico estivo sulla via di Baratti e Populonia. Il provvedimento è ancora solamente allo stato di indirizzo: un “orientamento progettuale”, per dirla in termini tecnici, che – il comune rassicura – potrà essere attuato solamente dopo che saranno sentite tutte le parti in causa, dalle associazioni dei commercianti a quelle dei consumatori, fino a quelle di portatori di handicap. Voci che, tuttavia, già da adesso, nutrono non poche perplessità nei confronti di una prospettiva che avvertono come un vero e proprio disagio: specie se frequentare Baratti e Populonia, soprattutto in estate, è una tra le loro abitudini più radicate.

«Questa spiaggia è quella che preferisco – commenta da Baratti Sabrina, piombinese, 28 anni – Quello di cui stiamo parlando non mi sembra un provvedimento troppo azzeccato: è vero sì che a venire qui dopo le 17 non si riesce a trovare un posto neanche a pagarlo oro, però, ecco, spero che si possa trovare una soluzione alternativa alla navetta, che è piuttosto scomoda, specie se si hanno con sé molti bagagli, borse, borse frigo, eccetera».

«Immagino che posteggiare l’auto alle Caldanelle per poi prendere la navetta non sarebbe gratis – aggiunge un altro giovane, Andrea, anche lui piombinese – Nel caso sarebbe un’altra cifra da spendere, quindi, oltre a quella della navetta: un bel prezzo, sicuramente, non c’è che dire. E in più fare tutto questo tram tram».

Già i prezzi dei parcheggi attuali non sono troppo soddisfacenti, spiegano i bagnanti: «I costi sono bassi se uno vuole fermarsi un’ora: si spende solamente 1,60 euro. L’aumento però è pesante col passare delle ore. Trattenersi qui il tempo di una giornata al mare, cinque o sei ore, diciamo, costa qualcosa come otto o nove euro». Rispettivamente 7,70 e 9 euro, per la precisione: i visitatori, tuttavia, non sono ugualmente contenti. «Anche perché – aggiunge Marco, anche lui di Piombino – per la maggior parte della giornata, le auto rimangono a cuocere sotto il sole, con quasi mai nessuno a sorvegliarle. Certo, la navetta risolverebbe questi problemi: ma se un’auto da sola trasporta quattro persone, sulla navetta ciascuno sarebbe costretto a pagarsi il biglietto per conto proprio».

«Parcheggiare a Populonia adesso costa solo un euro – spiega Silvia – e come sappiamo è frequentata da diversi vip, che al momento, ovviamente, pagano come tutti. Lei però pensa che accetterebbero di prendere la navetta assieme agli altri? O non avrebbero forse taxi e auto private? E questo non sarebbe un privilegio ingiusto?». «Non conosco bene la questione – commenta infine Giorgio, giovane romano arrivato in zona per questo fine settimana – Sono qui in visita da alcuni amici e questa spiaggia mi piace: siamo arrivati presto e abbiamo parcheggiato subito. Se avessimo dovuto prendere una navetta forse ci sarebbe un po’ pesato. Non mi sembra una soluzione fatta apposta per invogliare…».

MELISANDA M. AUTUNNALI

Il Tirreno 31.8.2010

 

image_pdfSalva Pdfimage_printStampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.