Parodi: «Le bugie su Rimigliano: la fascia a mare è a rischio»

«L’amministrazione negli anni ha mentito ai suoi cittadini». Il capogruppo Uniti per Suvereto, Giuliano Parodi interviene sulla questione di Rimigliano. «Nonostante il provvedimento che consegnava i litorali ai privati sia stato cancellato nel Comune di San Vincenzo è in corso d’approvazione una variante che decreta la morte della tenuta di Rimigliano e prepara il terreno all’ulteriore scempio che si registrerà nei prossimi anni: la cessione ai privati della fascia a mare.

Il fallimento delle politiche d’area ha dato carta bianca agli imprenditori che di fatto si son sostituiti alle amministrazioni nella pianificazione del territorio – incalza Parodi – un territorio depredato e devastato in nome di uno sviluppo sostenibile che ha creato solo migliaia di seconde case ed ha minato alla base i valori aggiunti che fanno della Val di Cornia un’eccellenza.

Questa volta però la Regione Toscana ci ha puntato i riflettori. Infatti ha presentato una serie di osservazioni che in pratica, oltre a mettere in discussione la necessità dell’intervento, redarguiscono in modo esemplare l’amministrazione di San Vincenzo, rea di aver consegnato una variante approssimativa, incompleta, priva delle valutazioni necessarie: in poche parole un pasticcio normativo. La cosa più eclatante è che l’amministrazione negli anni ha mentito ai suoi cittadini, dichiarando, anche in sedi ufficiali, l’area di Rimigliano Area Protetta soggetta alle prescrizioni regionali delle Anpil.

Invece si evince chiaramente dalle osservazioni della Regione che per tale area non risulta sia mai stata presentata come proposta di nuova area protetta e quindi non è presente in nessuno dei 5 programmi regionali approvati nell’elenco ufficiale delle aree protette».
La Nazione 17.7.2011

image_pdfSalva Pdfimage_printStampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.