“Tentativo d’inibire il diritto di critica” Massimo Zucconi (CdC) risponde a Livio Cristiani

Livio Cristiani, agente immobiliare, iscritto al PD, su Rimigliano sostiene tesi che non condivido, ma che (è superfluo anche solo dirlo) ha tutto il diritto di esprimere.  Quello che trovo invece lontano da una sana cultura democratica è la censura che egli fa delle opinioni altrui. Secondo Cristiani, infatti, i “comitati composti anche da turisti” avrebbero una visione  del territorio fortemente legata alle vacanze, mentre  personalità della cultura come il prof. Settis  non avrebbero titolo a denunciare le colate di cemento a San Vincenzo  perché hanno scelto di venirci ad abitare.

E’ mai capitato a Cristiani di andare in vacanza in qualche luogo e auspicarsi che non siano distrutti i suoi paesaggi o il suo patrimonio culturale che sente come un “bene comune”, non solo locale?   E magari di trovare qualcuno del posto che ha le stesse idee?  Per San Vincenzo, che ha nel turismo una delle sue principali fonti di reddito, è sin troppo ovvio consigliare l’ascolto dei turisti, tanto più se si organizzano per la tutela di beni che sentono come propri.

Il tentativo d’inibire il diritto di critica per il semplice fatto di aver scelto di vivere a San Vincenzo è ancora più preoccupante perché prefigura regole sociali arcaiche secondo le quali un cittadino a cui non piace qualcosa se ne deve andare.  Secondo questa logica per vivere a San Vincenzo bisogna condividere il cemento, l’aggressione alla costa e la distruzione del paesaggio rurale.  Sarebbe come dire: se uno va a vivere a Napoli non ha alcun diritto a lagnarsi se c’è la mafia dei rifiuti.  La scelta dovrebbe essere tra soccombere o scappare.

Spero che Cristiani, da cittadino, senta il bisogno di scusarsi con chi,  pensandola diversamente da lui, rappresenta una ricchezza per la nostra comunità. Io temo solo il silenzio, la mancanza del confronto e l’assuefazione.

23 agosto 2011

Massimo Zucconi, capogruppo Comune dei Cittadini

(pubblicato su La Nazione 24.8.2011)

Leggi la dichiarazione di Livio Cristiani pubblicate su La Nazione 23.8.2011

image_pdfSalva Pdfimage_printStampa

Un pensiero su ““Tentativo d’inibire il diritto di critica” Massimo Zucconi (CdC) risponde a Livio Cristiani

  1. i ‘turisti’ hanno scelto queste zone e le vogliono difendere. Ma non dimentichiamoci che hanno dato pane a molti e arricchito altri proprio con questa loro scelta che purtroppo ha generato di conseguenza la dissennata e incontrollata cementificazione selvaggia delle seconde case. Evidente colpa di amministratori non solo poco lungimiranti, ma anche legati agli immobiliaristi.
    I cittadini di Campiglia, per esempio , cominciano ora, dopo quattro anni, a comprendere le ragioni del comitato che stentano a credere siano anche le loro, ma solo quelle di stupidi e arroganti turisti. Turisti, per primi svizzeri (anni sessanta, e poi da tutta Italia e dal mondo) che hanno risollevato dalla miseria il paese soprattutto dopo la chiusura delle miniere e dell’ospedale.
    Con i soldi di questi ‘stranieri’ si sono vendute le case del borgo, si sono costruite abitazioni più o meno orribili, dando lavoro così come con le ristrutturazioni delle vecchie case abbandonate.
    Quando ci sono arrivata nel 1975 era un paese povero, oggi non lo è più in gran parte proprio grazie a questi ‘forestieri’ che hanno non il diritto ma IL DOVERE di difendere questo angolo di mondo che hanno scelto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.