Approvato il progetto di minieolico sulla sommità della cava di Campiglia

Approvato il progetto di minieolico sulla sommità della cava di Campiglia

I soci di Fischiailvento informano che il loro progetto per una turbina di mini-eolico sulla sommità della Cava di Campiglia è ora pienamente autorizzato e che quindi può essere realizzato. Si tratta di un progetto di turbina eolica da 55 kW su un terreno messo a disposizione da Cave di Campiglia spa in posizione estremamente ventosa e la turbina prescelta è la Libellula 55 prodotta a Prato con componenti italiane. In una nota vengono evidenziati gli obiettivi di Fischiailvento.


«Intanto, di stimolare il lavoro italiano in un settore finora appannaggio solo di aziende estere. Quindi, di far fruttare il piccolo risparmio delle famiglie socie con ritorni ben superiori a quelli bancari». Altro obiettivo elencato, la produzione d energia rinnovabile per tutelare l’ambiente. La ripartizione delle quote tra le famiglie che hanno dato vita a Fischiailvento – aggiunge la cooperativa – è già avvenuta e copre 33 delle 50 quote sociali ipotizzate. Poiché si tratta di un investimento che cerca di stimolare la proprietà diffusa e la partecipazione di piccoli risparmiatori con un obbiettivo etico, rimangono a disposizione di nuovi soci che volessero partecipare all’iniziativa 17 quote da 5.000 euro ciascuna».

I soci di Fischiailvento hanno deciso quindi di convocare una assemblea aperta a quanti fossero interessati che si terrà Sabato 1 Dicembre alle ore 16 presso la sede in Venturina, Largo della Fiera 11 presso lo studio dell’ingegner Antonio Gori. Nell’assemblea saranno illustrate le caratteristiche tecniche ed economiche della iniziativa e saranno raccolte le eventuali adesioni di nuovi soci a Fischiailvento. Per ulteriori informazioni gli interessati possono contattare via mail : sozzi.gino@alice.it
Il Tirreno 5.11.2012

image_pdfSalva Pdfimage_printStampa

Un pensiero su “Approvato il progetto di minieolico sulla sommità della cava di Campiglia

  1. Fischia il vento e infuria la bufera,
    scarpe rotte e pur bisogna andar
    a conquistare la rossa primavera
    dove sorge il sol dell’avvenir…

    è un inno partigiano, non offendete la Resistenza per qualche palanca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.