Rimigliano: le case gonfiano, i soci anche

Rimigliano: le case gonfiano, i soci anche

Nuovi soci (Ferragamo e Gaddo) e nuovo piano per i poderi: case meno numerose ma spuntano le ville ci saranno una settantina di appartamenti da 180-200 metri quadrati, costo dal milione in su.
Nella Tenuta di Rimigliano gli alloggi previsti nel piano di trasformazione dei poderi passano da 120-140 a 60-70, ma saranno grandi almeno il doppio rispetto all’idea originaria, che prevedeva una superficie media ad appartamento di circa 90 metri quadrati. La notizia, che circolava in modo ufficioso, è stata confermata dall’imprenditore venturinese Maurizio Berrighi, nuovo amministratore delegato della Rimigliano srl, società che agli iniziali soci investitori – Antinori, Marchi-Falck, Pecci e lo stesso Berrighi – ne ha in questi giorni aggiunti due nuovi, di grande fama internazionale: il conte Gaddo Della Gherardesca e la Salvatore Ferragamo spa.

Le case all’interno della Tenuta ex Della Gherardesca ed ex Parmalat saranno quindi circa 60-70, ma avranno una superficie di 180 metri quadrati e alcuni addirittura di oltre 200 mq. «Sì – conferma Maurizio Berrighi – Le case non saranno più 120 o 140, ma circa la metà. Ma saranno grandi il doppio dei 90 mq pensati inizialmente. In alcuni casi si potrà arrivare anche ai 200 mq di superficie. Il mercato a cui ci rivolgiamo è prevalentemente straniero, e le dimensioni degli appartamenti che vengono richiesti sono queste. Il prezzo delle case si aggirerà sui 5.000-6.000 euro al metro quadrato. Con la diminuzione degli alloggi – dice ancora Berrighi – vi sarà un minore impatto antropico sull’area, e vi saranno minori consumi idrici, di mezzi e di persone, con un minor impatto sull’ambiente e sulle spiagge. Il rispetto dell’ambiente sarà al centro del progetto, anche perché – continua Berrighi – se così non fosse falliremmo da subito». In pratica, per una casa di 200 metri quadrati, si spenderà grossomodo da 1 milione a 1.200.000 euro.

Oltre a questo importante cambiamento relativo alla superficie e al numero degli alloggi previsti, è in via di ultimazione il primo progetto esecutivo, riguardante il podere Le Chiusacce. Un progetto che potrebbe essere completato e ufficializzato già nel prossimo autunno. «Siamo quasi pronti – dice l’imprenditore venturinese – con il primo progetto relativo al podere Le Chiusacce. Nel mese di ottobre dovremmo consegnarlo al Comune di San Vincenzo, e, se l’ente lo riterrà valido, potremmo iniziare i lavori già all’inizio del 2013». Lavori che, in tutti i casi, dureranno, all’interno della Tenuta, dai quattro ai sei anni, e che prevedono anche la costruzione ex novo di un albergo di 6.000 metri quadrati e circa 150 posti letto, per il quale, come fa sapere Berrighi, la redazione del progetto inizierà all’inizio del 2013.

L’intenzione di Berrighi e della Rimigliano srl è poi di ricavare, all’interno della Casa delle Guardie, uno spazio di circa 80 metri quadrati per la creazione di un museo sulla storia della Tenuta di Rimigliano. «È importante – dice Berrighi – ripercorrere la storia della Tenuta e delle famiglie Della Gherardesca e Alliata, così da dare la possibilità ai moltissimi che non l’hanno mai visitata, di conoscere la Tenuta e la sua storia».

Maurizio Berrighi conferma poi che l’area potrà essere visitata e vissuta da tutti i cittadini. «Insieme al Comune di San Vincenzo – dice l’imprenditore – predisporremo un regolamento specifico per le visite all’interno della Tenuta. L’area, infatti, potrà essere visitata da tutti, a piedi o in bicicletta, in determinati giorni e orari che verranno stabiliti».

Da quanto fa sapere l’imprenditore, saranno anche incrementate le colture all’interno delle porzioni della tenuta destinate all’agricoltura, e saranno risistemati e riordinati i campi. «Adesso – conclude Berrighi – vorrei che i cittadini, le liste civiche ed i comitati ci giudicassero sul campo, al momento della realizzazione del progetto».
Paolo Federighi

Ecco il cda: restano Pecci e Antinori
Cambia il consiglio d’amministrazione della Rimigliano srl, ed i nomi dei nuovi soci investitori sono altisonanti: il conte Gaddo Della Gherardesca – cugino della famiglia Antinori, ideatore e organizzatore, tra l’altro, del Bolgheri Melody, rassegna di spettacolo ormai conosciuta a livello internazionale – e la Salvatore Ferragamo spa, rappresentata nel nuovo consiglio d’amministrazione da Salvatore Ferravamo, figlio di Ferruccio e nipote del suo omonimo fondatore della società. Gaddo Della Gherardesca è il nuovo presidente della Rimigliano srl, mentre Maurizio Berrighi ne è il nuovo amministratore delegato. Il conte Gaddo e la Salvatore Ferragamo spa si aggiungono così agli originari componenti la Rimigliano srl, vale a dire Piero Antinori, Enrico Pecci, Gioia Marchi Falck e lo stesso Maurizio Berrighi. «È un ulteriore rafforzamento della società – afferma Berrighi – sia dal punto di vista finanziario che strutturale, per poter dare corso agli investimenti. Puntiamo ad un mercato europeo ed extraeuropeo, e i due importantissimi nuovi soci sono garanzia di un progetto di altissima qualità e rispetto dell’ambiente».(p.f.)
Il Tirreno 24.7.2012

image_pdfSalva Pdfimage_printStampa

Un pensiero su “Rimigliano: le case gonfiano, i soci anche

  1. Complimenti! Adesso con Ferragamo e Gaddo il quadro e’ proprio completo, con il Comune di San Vincenzo sappiamo chi ha firmato la condanna definitiva di Rimigliano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.