L’urbanistica a Campigla: il CxC replica al sindaco

L’urbanistica a Campigla: il CxC replica al sindaco

Sempre nell’ottica di volere avere e trasmettere informazioni corrette, il Comitato chiede al Sig. Sindaco se le aree a La Monaca dove si richiede di realizzare un centro commerciale nuovo, siano aree non destinate alla edificazione, attualmente coltivate e quindi agricole.  Per amore di precisione si chiede anche al Sindaco di far conoscere ai cittadini le dimensioni del centro commerciale polifunzionale richiesto visto che viene contestato il termine usato dal Comitato di “migliaia di metri cubi”.

Inoltre si sottolinea il fatto che la spesa di € 15.000 prevista per indagini idrogeologiche e altro sembra destinata in gran parte a verificare la fattibilità, in termini di vincoli idrogeologici, delle richieste di variante che vanno a beneficio dei richiedenti restando a carico della collettività in un procedimento di varianti anticipatrici.

E’ interessante notare che il Comune, ente pubblico che contribuisce non poco all’appesantimento dei processi burocratici, si lamenti delle lungaggini burocratiche che costringono il Comune a trovare scorciatoie per risolvere i suoi problemi, senza avere fatto  in anni e anni alcunché per spingere  Provincia, Regione, ASL, VVFF, ecc. a elaborare sistemi normativi e procedurali più agili.

In conclusione il Comitato critica un metodo di procedere che vede esautorato il Consiglio Comunale da una preventiva discussione pubblica sul modo di affrontare le richieste di quattro cittadini o società.

Infine il Comitato ribadisce che le informazioni riflettono la realtà come risulta dalla stampa e che vede il rischio di ricadute negative e non marginali sulla struttura stessa del Regolamento Urbanistico ora chiamato Piano Operativo (proponiamo “executory plan” che fa più tecnologico).

Quanto al termine “insinuazioni” attribuito ai contenuti del documento del Comitato, le rimandiamo al mittente , visto che non è nello stile del Comitato fare insinuazioni e se ci fosse qualcosa da insinuare sarebbe, forse, che chi ci vede questo intento ha, come si dice da noi, “la coda di paglia”.

Campiglia Marittima 7 Febbraio 2016

Comitato per Campiglia
Alberto Primi

Questo comunicato risponde alle affermazioni  del sindaco Soffritti pubblicate oggi sul sito di Stile Libero e che si può leggere cliccando qui.

image_pdfSalva Pdfimage_printStampa

2 pensieri su “L’urbanistica a Campigla: il CxC replica al sindaco

  1. quello che non capisco è la logica fra la distruzione della campagna e quanto si legge su La Nazione di oggi 7 febbraio : ‘IL SINDACO di Campiglia Rossana
    Soffritti e la vice presidente nazionale
    della Confederazione agricoltori Cinzia
    Pagni hanno firmato un protocollo
    finalizzato all’individuazione di azioni
    per assicurare lo sviluppo dell’agricoltura
    in Val di Cornia’
    forse sono io dura ?
    Simona L.G.

  2. Si evince dalla stampa che, a proposito della Variante richiesta a la Monaca, le casse comunali dovranno sborsare per l’indagine idrogeologica circa €10.000 dei 15.000 complessivi.
    Quindi delle due l’una o si prevede che il consiglio accetti il progetto oppure , se si confermerà che a La Monaca deve esserci il confine Sud di Venturina e non si dovranno prevedere altre edificazioni oltre quelle ammesse , i € 10.000 spesi rappresenteranno un danno erariale.
    a rigor di logica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.