1

Due pesi e due misure

Sanzioni per l’abbandono di rifiuti, decide il Comune. Ok, ma perché queste sanzioni non valgono per le deiezioni dei piccioni?

Prima, durante e dopo Apritiborgo, fulcro dell’estate campigliese, questo era lo stato di un tratto di via Leopardi, nel centro storico del paese. Da ultimo, alle deiezioni dei piccioni si sono aggiunte pulci , zecche ed uno svolazzo di piume. La puzza non si può rendere per immagini.

Il decoro , l’igiene e la salute pubblica non sono evidentemente priorità dell’amministrazione comunale. Nello stesso ambito altre sono infatti le priorità .

Al parcheggio dei bus, in via dell’Annunziata, a già ardia dei 9 tra cassonetti e campane destinate alla raccolta dei rifiuti vi è una telecamera, a controllare che la differenziazione sia rispettata. Così, i trasgressioni vengono sanzionati con un’ammenda attraverso il riconoscimento del numero di targa, qualora il malcapitato – come è successo – vi si rechi con l’auto.Tale rigore è finalizzato presumibilmente ad evitare che quello spiazzo – squallido e disadorno come pochi – diventi una colorata discarica.

Qualcosa tuttavia non ha funzionato, perché vicino ai cassonetti c’è un materasso. A meno che non sia stato collocato lì dall’amministrazione per consentire il riposo notturno di uno zelante tutore della raccolta differenziata.

Gli ispettori ambientali del Comune sono 4 (Tirreno 5 settembre), vuol dire che vi si alterneranno.

→ Sanzioni per l’abbandono di rifiuti. In servizio quattro ispettori ambientali

Campiglia, due luoghi , due pesi e due misure

L. R. 
(conosciuta dal CxC)

→ Maledetti piccioni  di via Leopardi