Attuale »

4 Aprile 2021 – 11:09 |

L’associazione chiede di annullare la delibera consiliare. Il giudizio: «Ennesimo atto di urbanistica spezzatino».
Vent’anni. È il tempo che è servito per trovare il punto di caduta che ha portato all’adozione nel consiglio comunale di San Vincenzo …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

E se l’alluvione di Livorno fosse successa in Val di Cornia?

Inserito da il 23 Settembre 2017 – 13:30Nessun Commento

In tanti dopo i drammatici eventi di Livorno ci stiamo chiedendo e se avesse piovuto così anche nel nostro Comune? Ecco, credo che sia una giusta domanda da porsi, non fosse altro per un primordiale spirito di sopravvivenza!

Diamo un’occhiata ai nostri fossi: arrivano dalle colline, con un corso abbastanza largo o, comunque circondato da campi, dove una possibile esondazione provocherebbe pochi danni, qualche allagamento.

Man mano che si avvicinano ai centri abitati questi corsi iniziano a restringersi, a essere avvicinati da costruzioni, case o capannoni, a essere imbrigliati in letti di cemento e scavalcati da ponti e ponticelli. Alcuni poi entrano e attraversano i centri abitati come abbiamo imparato in questi giorni: intubati, cioè costretti dentro spazi limitati, magari ampi ma limitati. E intorno niente altro che case, strade, ferrovia, parcheggi, cemento e muri.

A aree di esondazione vere e proprie, cioè realizzate ad hoc prima dell’abitato per consentire lo sviluppo edilizio a norma di legge, sono state realizzate a sud, a servizio della lottizzazione Santa Costanza. E in questo caso sarebbe interessante conoscere gli anni di ricaduta in base ai quali questa area è stata realizzata.

A Livorno, purtroppo, i 200 anni per le vasche del Rio Maggiore non hanno evitato la strage di via Rodocanacchi. In che condizioni sono gli altri fossi? Quale portata di piogge sono in grado di contenere, senza provocare danni, argini, ponti e intubazioni dei nostri fossi? Con i cambiamenti climatici e con le modalità impetuose con cui si manifestano gli eventi meteo, le attuali canalizzazioni, soprattutto all’interno e sotto il centro abitato, sono adeguate? O non è il caso di elaborare progetti di modifiche preventive, prima di dover riparare i danni?

Iniziare a porsi queste domande, attivare la pubblica amministrazione per dare risposte, significherebbe saper cogliere, dall’ennesima tragedia, l’insegnamento secondo cui la natura e le sue manifestazioni non si imbrigliano, perché il conto che prima o poi ci presenterà sarà salato. Serve un’importante e fondamentale opera di manutenzione del territorio, magari con forme partecipate e di coinvolgimento della popolazione che in questo territorio ci vive e lavora.

Enzo Chioini (San Vincenzo)

Il Tirreno 23.9.2017 (L’intervento)

 

Print Friendly, PDF & Email
No tags for this post.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.