Attuale »

19 Ottobre 2021 – 18:26 |

LETTERA APERTA
Gent. D.ssa
Alberta Ticciati
Sindaca del Comune di Campiglia Marittima
Oggetto: Baracche di cantiere abbandonate a La Fonte di Sotto
Dopo due anni da una richiesta in merito, non essendo cambiato nulle nel frattempo , le inviamo nuovamente il …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

“Cave ecosostenibili” La proposta dei sindacati

Inserito da il 2 Dicembre 2016 – 14:42Nessun Commento

Estrazione «eco-sostenibile». È la proposta della Fillea Cgil per le di Campiglia. Pur giudicando positivo l’esito del tavolo di crisi che ha scongiurato dieci esuberi, incontro che si è tenuto mercoledì a Campiglia, la Fillea Cgil territoriale propone un’ulteriore iniziativa per l’ottimizzazione dell’estrazione e la tutela dell’ambiente: la creazione di un polo minerario. Al tavolo il sindacato di categoria, oltre a discutere della solidarietà, ha avanzato un’ulteriore proposta, accolta con interesse dal Comune di Campiglia.

Cave di Campiglia 2«Riteniamo utile la creazione di un polo minerario a cui partecipino università e istituzioni – spiega il segretario generale Fillea, Nicola Triolo – insieme alle aziende minerarie e alle aziende utilizzatrici dei materiali, utile per studiare come sviluppare un utilizzo più mirato del microcristallino, nel rispetto dell’ambiente».

La Fillea Cgil della provincia di Livorno propone in sostanza un polo che sviluppi una strategia estrattiva eco-sostenibile del microcristallino, che sia aperto però al confronto con aziende e cittadinanza.

«Consapevoli delle difficoltà economiche che gravano gli Enti locali – sottolinea Triolo – siamo consapevoli però che lo sviluppo del polo non possa gravare solo sulle istituzioni, perciò chiediamo la stesura di un piano di fattibilità che preveda un progetto capace di attingere anche ai fondi europei».

«Siamo convinti – conclude il segretario – che l’utilizzo della solidarietà fino alla stabilizzazione della filiera produttiva sia un elemento positivo, ma siamo anche convinti che sia necessario intraprendere strade innovative per garantire futuro all’attività estrattiva del territorio».

La Nazione 2.12.2016

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.