Attuale »

30 Giugno 2021 – 10:38 |

Si è svolto ieri l’altro il primo incontro pubblico in video-conferenza, per informare tutti i portatori di interessi e i cittadini  sul futuro Piano Operativo (prima si chiamava Regolamento Urbanistico) che definirà gli interventi ammissibili …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio, Documenti, iniziative

Amarcord…

Inserito da il 9 Ottobre 2013 – 12:50Nessun Commento

Una riflessione preoccupata sulla stazione  di Simona Lecchini Giovannoni su “L’Etrusco” di quattro anni fa:

“…anch’io amo la

Ho letto il pezzo di Rossano Pazzagli sul numero di dicembre del vostro giornale. E così ho pensato di mandarvi questa mia riflessione.

Anch’io amo la stazione di Campiglia, dall’ 80 ero spesso lì con le mie terribili gemelle ad aspettare qualcuno, la zia da Milano, le tate e le amiche da Firenze. Dicevo a loro “bambine respirate l’aria di mare, fa bene “. Ero convinta che in quel vento, subito dietro in mezzo ai campi fosse come stare sulla spiaggia e io, una volta seduta su quelle belle panche ‘fasciste’ (a proposito mi piacerebbe sapere dove sono andate a finire), mi riposavo un po’ a guardare passare i treni, a volte per ore, e loro stavano miracolosamente buone nei loro prendisole. Mi sembra di vederle, avevano due anni. Qualche anno Lampodopo c’era anche il cuginetto, e sempre si aspettava qualcuno che arrivava in treno. Un pomeriggio memorabile loro tre furono fotografati accanto alla statua di Lampo e ci fecero sperare che ne avrebbero fatto una cartolina. Ma non fu vero. Oggi almeno due volte alla settimana parto e due volte arrivo alla stazione e mi sembra di impazzire: oltre l’improbabile Venturina che avanza nella pianura (cosa succederà quando arriva alla superstrada mi chiedo sempre mentre aspetto il treno perché arrivo sempre ‘per tempo’) ora c’è anche “il disordine urbano” delle nuove costruzioni davanti al parcheggio che però ha il merito di nascondere un po’ lo scempio delle colline e il mostro che avanza.

Chi sarà – saranno – l’architetto – architetti o geometri? Avranno fatto l’esame di urbanistica?. Boh!

Simona Lecchini Giovannoni”

da: l’Etrusco, n. 125, gennaio 2009

Stazione Amarcord

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.