Attuale »

4 Aprile 2021 – 11:09 |

L’associazione chiede di annullare la delibera consiliare. Il giudizio: «Ennesimo atto di urbanistica spezzatino».
Vent’anni. È il tempo che è servito per trovare il punto di caduta che ha portato all’adozione nel consiglio comunale di San Vincenzo …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

Sacchi per salvare San Cerbone e scavi

Inserito da il 28 Settembre 2011 – 13:28Nessun Commento

La chiesa di San Cerbone sembra star su per scommessa. Mentre gli archeologi – al cimitero medievale e alla fonte – tentano di battere l’avanzamento dell’erosione, abitanti e turisti temono l’arrivo delle burrasche prima degli interventi promessi per difendere la costa.

Invece – entro la fine della prossima settimana – si parte con la posa dei sacchi in geotessuto (brevetto Geosystem) lungo la battigia, proprio in quest’area dove il rischio è massimo: tra San Cerbone nuovo e la fonte. «I tubi in geotessuto ad alta deformabilità copriranno 270 metri lineari – assicura l’assessore all’ambiente Marco Chiarei – tutta la zona maggiormente aggredita dall’erosione, prevediamo di completare l’operazione in due mesi. I tubi saranno posizionati sulla spiaggia, attaccati alla falesia e il poco spazio “libero” tra la falesia e il geotessuto sarà coperto perché non entri il mare».

Eseguirà le operazioni di posa la ditta Benassi. Il Comune anticiperà i circa 290mila euro necessari per l’intervento, che saranno reintegrati (all’80%) col finanziamento regionale. Perché in realtà si tratta di fondi già stanziati dalla Regione e legati al maxi progetto per la protezione e il ripascimento di . «Da sottolineare – riprende Marco Chiarei – che si tratta di una prova sperimentale. In precedenza il geotessuto è stato utilizzato spesso, ma sempre sott’acqua. Questi moduli – spiega – sono più corti, di circa 6 metri (alti un metro e mezzo, larghi tre) proprio perché devono essere modulati seguendo la costa.

La situazione sarà monitorata continuamente e si vedranno gli effetti. Stavolta non è importanete l’aspetto estetico, che anzi passa in secondo piano». Le priorità sono altre, sotto gli occhi di tutti. «Anche la Regione Toscana – conclude l’assessore Chiarei – ha spinto sulla sperimentazione, proprio per la necessità d’intervenire subito». Subito perché troppo tardi è vicinissimo.
CECILIA CECCHI – Il Tirreno 28.9.2011


Sit in fotografico per salvare San Cerbone (20.4.2011):

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.