Attuale »

4 Dicembre 2019 – 09:42 |

Certo non nella zona di protezione speciale delle Alpi Apuane.
L’Amministrazione comunale di Massa ha recentemente annunciato di voler riaprire ben sette cave di marmo, incurante di critiche e perplessità.

Tags: Cave

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Cultura, storia

Addio a Enzo della Monica che fotografò Campiglia negli anni ’50

Inserito da il 11 Ottobre 2018 – 08:45Nessun Commento

E’ morto Enzo Della Monica, maestro della fotografia e insegnante di educazione fisica di generazioni di studenti piombinesi. All’età di 99 anni, oggi viveva a Pietrasanta. Lascia la moglie Giuliana, la sorella e le figlie Ilaria e Francesca.

Campiglia Marittima ricorda con stima e altissimo apprezzamento il maestro, del quale, nel 2016, il Comune organizzò un’importante mostra che lo vide partecipe all’inaugurazione attorniato da tanto pubblico e da un grande numero di amici ed estimatori.

Dal titolo “Il neorealismo di Enzo Della Monica. Dopoguerra a Campiglia” la mostra esponeva venticinque scatti dedicati alla Campiglia Marittima degli anni Cinquanta, provenienti dal gabinetto disegni e stampe degli Uffizi.

→ Campiglia anni ’50:  25 scatti di Enzo Della Monica dagli Uffizi al Mannelli 3.8.2016

Nell’occasione venne pubblicato un catalogo con contributi critici di Antonio Natali, Antonio Godoli, Fabio Canessa, e con introduzione, inquadramento e testimoniaza di Jacopo Bertocchi, Paola Pacifici, Arietto Marte lli.

Nel primo periodo della nota di Jacopo Bertocchi tutta la pregnante imtensità artistica e documentale della fotografia di Della Monica, e al tempo stesso la consapevolezza di un legame stretto e mai più dissolvibile: “Questa mostra non è altro che la storia di un ritorno, un gioco di specchi riflessi che il tempo non è in grado di alterare, un omaggio al borgo e alla storia della fotografia che oggi accogliamo con amore materno”. 

Tratto da IL COMUNE SETTIMANALE  newsletter

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.