Attuale »

18 Settembre 2020 – 21:01 |

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL RECUPERO E LO SVILUPPO DEL PATRIMONIO AMBIENTALE, INDUSTRIALE, ARCHEOLOGICO E CULTURALE DELL’AREA MONTE CALVI, CAMPIGLIA M.ma
Nell’incontro pubblico di lunedì 14 settembre, il sindaco di Campiglia, d.ssa Ticciati, ha illustrato i …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

Basta con le devastazioni ambientali determinate dalle cave!

Inserito da il 17 Novembre 2017 – 08:44Nessun Commento

L’associazione Gruppo d’Intervento Giuridico onlus, in sostegno al battagliero Comitato per Campiglia, ha inoltrato (16 novembre 2017) uno specifico atto di intervento con “osservazioni” riguardo la variante al piano strutturale e al regolamento urbanistico in adeguamento al piano delle attività estrattive, di recupero delle aree escavate e riutilizzo dei residui recuperabili (P.A.E.R.P.) adottata con la deliberazione Consiglio comunale Campiglia Marittima n. 2017/76 del 29 agosto 2017.

La variante adottata è scaturita dal “Tavolo di crisi delle  di Campiglia”, confronto fra amministrazioni pubbliche e società estrattive per cercare di evitare il licenziamento di 10 operai da parte della società Cave di Campiglia s.p.a., oggi in crisi aziendale per la contrazione del settore edilizio e per la lunga fermata  delle acciaierie di Piombino che si rifornivano di calcare presso la cava di Monte Calvi.

Tuttavia è illegittima, perché sono consentite per legge varianti al solo regolamento urbanistico (già scaduto nel 2016) in attesa del nuovo (al più tardi entro il 2019), e Piano Strutturale d’Area (vigente per Piombino, Campiglia e Suvereto) solo su aspetti strettamente locali.

Una variante che riguarda l’intero settore estrattivo di Campiglia Marittima non è un aspetto “strettamente locale”: la sola cava di Monte Calvi estrae 350.000/250.000 metri cubi all’anno e ha ancora da estrarre 3.000.000 di metri cubi, ma la variante riguarda anche la cava di Monte Valerio (Titolarità Sales s.p.a.). E’ indubbio, quindi, che la variante al piano strutturale riguarda un settore, quello delle cave di Campiglia, di interesse almeno regionale.

Una variante illegittima, pertanto, che contribuirebbe a un’ulteriore devastazione, avviata da tempo, prorogando fino al 2024 le estrazioni anche presso la cava di Monte Valerio e degradando un territorio di grande interesse ambientale.

L’atto di intervento con “osservazioni” è stato inviato al Comune di Campiglia Marittima, al Ministero per i Beni e Attività Culturali e Turismo e alla Regione Toscana.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus
Stefano Deliperi

ulteriori informazioni su http://gruppodinterventogiuridicoweb.com 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.