Attuale »

18 Settembre 2020 – 21:01 |

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL RECUPERO E LO SVILUPPO DEL PATRIMONIO AMBIENTALE, INDUSTRIALE, ARCHEOLOGICO E CULTURALE DELL’AREA MONTE CALVI, CAMPIGLIA M.ma
Nell’incontro pubblico di lunedì 14 settembre, il sindaco di Campiglia, d.ssa Ticciati, ha illustrato i …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Varie

Una stazione vuota e senza i servizi

Inserito da il 25 Ottobre 2017 – 13:23Nessun Commento

Viaggio allo scalo di Campiglia: negozi chiusi, biglietteria solo al mattino. E anche la Polfer se n’è andata.

Meno fatiscente di un tempo, ma vuota e, a detta di molti, poco funzionale nella parte esterna. La Marittima ha un aspetto moderno, conferitole dall’installazione di ascensori, monitor luminosi, cartellonistica interna e nuove pensiline.

Nello scalo non mancano né treni né passeggeri, essendo classificato sul sito di Rete Ferroviaria Italiana come Silver, cioè medio/piccolo a frequentazione consistente.

Campiglia è considerabile come la stazione della Val di Cornia. Ne fruiscono, ogni anno, turisti, studenti e pendolari. Manca però qualsiasi servizio, ad eccezione di due bar, davanti a uno dei quali è stato affisso il cartello “Vendesi”, e dell’unico addetto alla biglietteria che spesso è presente solo la mattina, dalle 6 alle 13.

«Siamo in carenza di personale», ci dicono in stazione. Ci sono poi due biglietterie automatiche, una delle quali è utilizzabile solo con la carta. A volte, poi, le biglietterie non funzionano per niente o si crea una lunga fila per il servizio, in questi casi si deve fare il biglietto a bordo, con il rischio di pagare il sovrapprezzo.

Per il resto, nella stazione, c’è il vuoto. Non una persona a cui chiedere informazioni, non un ferroviere, non un negozio e, da un po’ di tempo a questa parte, nemmeno un agente della Polfer. I locali all’interno dello stabile sono quasi tutti deserti e chiusi a chiave. Dove una volta c’era l’edicola, ad esempio, adesso c’è una stanza spoglia e a essere rimasto accessibile è unicamente il bagno, fruibile dietro il pagamento di 50 centesimi.

Rete Ferroviaria Italiana fa sapere che valorizzare «quegli spazi è nell’interesse nostro e del territorio. Possono essere messi sul mercato e destinati ad attività commerciali o cedute in comodato d’uso a Comuni o ad organizzazioni no profit. Se qualcuno dovesse essere interessato può contattare Rfi a Firenze e presentare una richiesta, che sarà poi valutata».

Rete Ferroviaria Italiana aggiunge anche che, comunque, «sul fabbricato della stazione di Campiglia Marittima sono in programma lavori di riqualificazione importanti, i quali interesseranno anche la sala d’attesa, il sottopassaggio e il primo binario. L’inizio delle opere è previsto per gennaio 2018 e la durata stimata è di un anno».

In attesa di queste, ulteriori, opere di riqualificazione di binari e fabbricato, nella stazione gli utenti continuano a muoversi con un certo disorientamento. «Scusi, io è la prima volta che passo di qui, ma non c’è niente? Un negozio, un ristorante? Ma questa non è una zona di mare?», domanda un uomo sceso dal treno a uno dei tassisti presenti in zona.

Un turista che avesse voglia di camminare potrebbe recarsi all’autogrill poco lontano dal piazzale della stazione, che è raggiungibile attraversando una zona caratterizzata dall’hotel I cinque lecci, adibito a centro di accoglienza e in fase di ristrutturazione, da alcuni capannoni in costruzione lasciati tra le erbacce e l’immondizia e da un fabbricato nuovo e semi-vuoto. La zona circostante la stazione, insomma, presenta un aspetto di vuoto che è in parte coerente con quello riscontrato all’interno.

Claudia Guarino – Il Tirreno 25.10.2017

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.