Attuale »

26 Marzo 2020 – 08:58 | Un commento

Camerini: « Un progetto ambizioso per traghettare il nostro patrimonio millenario nel futuro»
Presto una mediateca digitale per conoscere la storia di Campiglia Marittima: un progetto senza costi, ideato e curato dall’assessore alla Cultura Gianluca Camerini.

Tags: …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

Sì del consiglio comunale al piano delle Cave

Inserito da il 30 Maggio 2017 – 13:30Nessun Commento

Il sindaco Rossana Soffritti spiega: «Con la variante consentita solo la fine dei piani di coltivazione, non c’è stata nessuna aggiunta di metri cubi.

In consiglio comunale a Campiglia Marittima è stata approvata la delibera di avvio del procedimento di variante urbanistica per adeguare i piani urbanistici del comune di Campiglia al piano provinciale delle attività estrattive e consentire la fine dei piani di coltivazione già approvati.

Non si tratta di una cosa da poco: in ballo, infatti, ci sono una cinquantina di posti di lavoro diretti e altrettanti indiretti, legati quindi all’indotto. In questo momento, per la Val di Cornia, la tutela del lavoro deve essere una priorità, non solo a parole.

Ciò che il consiglio ha approvato è l’inizio di un procedimento che prende avvio da due elementi, coerentemente con quello che il Comune ha sempre affermato: «Il primo – dicono in una nota – deriva dall’obbligo che ha il Comune di rispettare il piano provinciale delle attività estrattive per cui dovremo rivedere la cartografia e le norme interessate. Il secondo non è altro che il primo passaggio formale derivante dall’accordo scaturito dal tavolo di crisi di alcuni mesi fa (novembre 2016) firmato dal Comune, Regione, sindacati, Cna e azienda di Campiglia, in cui sono stati definiti alcuni punti fermi».

«Si consente solo la fine dei piani di coltivazione già approvati – affermato il sindaco Rossana Soffritti – non c’è nessuna aggiunta di metri cubi, ma solo la coltivazione e il ripristino del piano che non è possibile completare entro i termini fissati. Sarà comunque fatta una nuova valutazione e laddove è possibile saranno apportati miglioramenti ambientali nell’escavazione».

In questo modo, come ha argomentato Soffritti, il ripristino della collina è assicurato così come la continuità dell’occupazione, con l’impegno da parte delle istituzioni di definire, negli imminenti piani regionali delle cave, il ruolo delle attività estrattive in Val di Cornia.

«È necessario – ha concluso Soffritti – tener conto del materiale di riuso che dalle nostre parti deve rappresentare una priorità, negli usi che evitano di utilizzare materiale vergine e nel frattempo bonificare aree che possiamo restituire alla produzione è stata la nostra priorità e non di altri».

Cave di Campiglia, che estrae microcristallino, materiale che in Toscana è presente solo qui e non è riproducibile sinteticamente, peraltro destinato a numerose industrie della regione, proseguirà con gli investimenti, in particolare per la risistemazione della collina già sfruttata.

Il Tirreno 30.5.2017

Leggi anche: Il PD succube della lobby dei cavatori (Comune dei Cittadini) 27.5.2017

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.