Attuale »

23 Giugno 2020 – 07:57 |

Il bilancio iniziale di Sostratos a cui fa capo la campagna avviata il 15 giugno. «Le premesse sono ottime, sia per il saggio al Mausoleo che alla Pulledraia».
«Importanti evidenze archeologiche scoperte già nei primi giorni di …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

L’insostenibile agonia del rudere di via Dini

Inserito da il 11 Febbraio 2017 – 20:44Nessun Commento

Chi aveva scommesso che nulla sarebbe stato fatto ha vinto !!!

A proposito del rudere di via Dini in Poggiame, non  è vero che niente sia stato fatto. In realtà è stato tolto il  cartello che riservava la sosta ai disabili su uno dei lati della strada in cui  insiste il rudere stesso.

È’ già qualcosa che ci si sia resi conto della contraddittorietà tra quest’ultimo e le transenne che indicano  il pericolo, poste lì ormai da anni.
Invece  il rudere c’è ancora,  nonostante fosse stata prevista la demolizione nell’autunno 2016, e un certo via vai di tecnici avesse avvalorato questa previsione.

Alcuni cenni  storici . A far data  dai primi anni del 2000 – ma forse anche prima – a chi domandasse in Comune le ragioni dell’esistenza nel del rudere , veniva risposto che si era alla ricerca dei legittimi eredi della proprietà, al fine di intimare loro  l’obbligo della messa in sicurezza ovvero l’esproprio.

Negli anni successivi la comunità campigliese di residenti e non si occupa e preoccupa del destino dell’immobile e addirittura viene svolta un’assemblea su questo tema, nella quale si prospetta appunto una destinazione dell’area a verde pubblico dopo la inderogabile e improrogabile demolizione.

Nel  2016 qualcosa si muove, oltre ad alcune pietre che cadono giù da uno dei muri perimetrali – in realtà solo questi ci sono – e appunto pare si sia giunti alla fase operativa.

E invece no.

Ovvio che la stessa comunità e in particolare chi abita o è proprietario dell’immobile sul quale appoggia il rudere se ne domandi le ragioni ed  è ovvio altresì che serpeggi  il malcontento.

Pare ci si preoccupi di abbellire il paese è allo stesso tempo ci si dimentica di nuovo di una parte del Poggiame.? Non può essere.

Come non può essere che cavilli giuridici impediscano di metter fine  a tale esempio di degrado , qualunque sia poi la scelta della futura destinazione dell’area: il Comune  ha avuto del bel tempo per giungere ad una decisione giuridicamente  e legalmente corretta.

O no?

Certo che chi aveva scommesso che nulla sarebbe stato fatto – campigliesi doc – ha vinto, eccome se ha vinto.

Che dire ? che almeno si faccia luce su questa forma di gioco d’azzardo che ravviva il lungo letargo del paese.

Può darsi che se ne venga a sapere qualcosa di più.

Laura Riccio
Socia del Comitato per Campiglia
Proprietaria di una casa in via Dini

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.