Attuale »

4 Aprile 2021 – 11:09 |

L’associazione chiede di annullare la delibera consiliare. Il giudizio: «Ennesimo atto di urbanistica spezzatino».
Vent’anni. È il tempo che è servito per trovare il punto di caduta che ha portato all’adozione nel consiglio comunale di San Vincenzo …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

Bayahibe, la demolizione slitta, ultimatum dal Condominio

Inserito da il 23 Febbraio 2016 – 09:58Nessun Commento

In data 17 Febbraio 2016 il Condominio Belmare, tramite il proprio legale, ha provveduto a inviare al Comune di , alla Regione Toscana nella persona del presidente e alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Livorno una formale diffida a ottemperare alla sentenza 5663/2015 del 14.12.2015 del Consiglio di Stato, che dichiara totalmente illegittima la previsione urbanistica e i vari permessi a costruire relativi allo stabilimento balneare «Bayahibe» in via del Tirreno. 

ecomostro bayahibe«Contestualmente la lettera – comunica il Condominio Belmare – contiene un esposto alla Regione e alla Soprintendenza a vigilare ed eventualmente a intervenire direttamente sostituendosi al Comune per l’attuazione dell’unico atto che la sentenza suddetta implica: la totale rimessa in pristino della situazione antecedente le opere e la revoca della concessione demaniale».

Il Condominio Belmare dice che: «Considerata la ripetuta inerzia del Comune nel prendere i necessari provvedimenti in seguito alle precedenti sentenze del Tar si è ritenuto necessario intimare, con riserva di ulteriori azioni legali, l’attuazione della sentenza e la restituzione al condominio e alla cittadinanza di quello che le spetta di diritto: la spiaggia libera e la vista spettacolare del promontorio di Populonia e dell’Isola d’Elba miseramente mascherati da otto anni da una costruzione mai ultimata e chiaramente prevista nel posto e nel modo sbagliati».

Nella missiva si ricostruisce la vicenda fin dai suoi esordi fino ad arrivare, attraverso i vari ricorsi e appelli, alla sentenza definitiva, decisamente univoca e non interpretabile. Il «Belmare» aggiunge: «Si ricorda inoltre che la società Acquachiara, al momento del rilascio della concessione, ha dovuto presentare al Comune una fideiussione bancaria proprio per la rimozione delle opere, e che quindi l’aspetto economico della demolizione e rimessa in pristino è garantito».

La Nazione 23.2.2016

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.