Attuale »

17 Febbraio 2020 – 13:30 | Un commento

L’ex sindaco Anselmi replica a Palombi: «Nel 2013 sono stati solo previsti dei manufatti tra l’altro diversi da quelli costruiti. Dopo è arrivato tutto il resto»
«Dispiace dover confutare le affermazioni dell’assessore all’urbanistica del Comune di Piombino …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio, Documenti, iniziative

Gli abusi della S.A.L.E.S. – una storia senza fine

Inserito da il 3 Ottobre 2014 – 08:29Nessun Commento

Nel 2001 la S.A.L.E.S. ottenne dal Comune un permesso di costruire che permetteva di sostituire gli edifici più rappresentativi della miniera di stagno con due capannoni prefabbricati.

Nell’indifferenza generale degli uffici tecnici comunali, i vecchi edifici furono demoliti nel 2008 e iniziò la costruzione dei nuovi fabbricati, indispensabili alle lavorazioni in atto come recitava la relazione, e che avrebbero dovuto essere conclusi nel 2011

Il 5 Agosto 2011 il Comitato per Campiglia, che aveva a suo tempo denunciato la demolizione di un bene testimoniale importante per la storia del Campigliese (vedi sito 24 febbraio 2009 – I NUOVI BARBARI – Demolite le testimonianze storiche della Miniera di Monte Valerio), segnalò al Comune la presenza di presunte difformità dal progetto approvato.

monte-valerio-sales-costruzioneIl Comune, dopo sopralluogo, constatò la presenza di abusi edilizi in difformità, e attivò le procedure previste dalla Legge regionale 1/2005.

La proprietà nell’Aprile del 2012 presentò una pratica che avrebbe consentito di completare le opere così come previste nel progetto iniziale ma la pratica fu sospesa in attesa del rilascio di autorizzazione a sanatoria per gli abusi denunciati.

Nel Giugno 2013 fu rilasciata sanatoria definitiva.

Poichè il tempo passava senza vedere alcun intervento in corso, il Comitato nel settembre 2014 ha chiesto chiarimenti al Comune che ha risposto specificando che la pratica per completare i fabbricati, come originariamente approvati, scadrà il 03/04/2015 e che quindi fino a quella data la proprietà ha tempo di completare i lavori previsti.

Ciò significa che una opera che veniva dichiarata indispensabile nel 2001, sarà completata a distanza di 14 anni dalla domanda iniziale e a soli cinque anni dalla scadenza della concessione della coltivazione della cava 2020.

Poichè è impossibile ammortizzare l’investimento della nuova costruzione in cinque anni, è evidente che la proprietà dà per scontata una proroga o un rinnovo della concessione, chi sa per quanti anni e probabilmente fino a che non sarà completamente raso al suolo.

Campiglia Marittima 3/10/2014

Comitato per Campiglia

Monte-Valerio-oggi

Monte-Valerio-domani

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.