Attuale »

4 Dicembre 2019 – 09:42 |

Certo non nella zona di protezione speciale delle Alpi Apuane.
L’Amministrazione comunale di Massa ha recentemente annunciato di voler riaprire ben sette cave di marmo, incurante di critiche e perplessità.

Tags: Cave

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Cultura, storia

San Silvestro futuro parco d’interesse culturale

Inserito da il 8 Maggio 2014 – 09:10Nessun Commento

La giunta comunale di Campiglia Marittima ha definitivamente ratificato la volontà a procedere alla dichiarazione d’interesse culturale per i siti minerari d’interesse storico del Parco archeominerario di San Silvestro. «La delibera approvata dalla giunta lo scorso 30 aprile è un atto significativo per la nostra amministrazione, San Silvestrol’inizio di un percorso innovativo, il segno della continuità nella collaborazione per la valorizzazione del nostro patrimonio con la Val di Cornia e un auspicio per le possibili attività di ricerca ad esso connesse» ha commentato l’assessore alla cultura Jacopo Bertocchi che ha seguito l’iter del procedimento.

Il dossier con tutta la documentazione necessaria è stato redatto dalla Parchi Val di Cornia, interpretando il concetto di Sito Minerario non come singola emergenza puntuale, ma piuttosto come espressione di un sistema produttivo composto da più elementi, sia di superficie (imbocchi di pozzo, edifici), che sotterranei (gallerie).

Il principale strumento utilizzato per la redazione del dossier è un sistema GIS che ha permesso un’analisi territoriale dettagliata e la possibilità di creare carte tematiche nelle quali fosse evidente anche la stratificazione dei lavori minerari sviluppati nelle varie epoche storiche. Si è trattato di un lavoro pionieristico volto alla tutela di un intero territorio minerario. Il dossier sarà inoltrato alla Direzione Regionale per i Beni Culturali con la quale si è già avviato un percorso metodologico di confronto, data la sperimentalità della procedura di riconoscimento dei siti minerari.

La Nazione – 8.5.2014

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.