Attuale »

10 Dicembre 2019 – 09:45 |

Al porticciolo di Baratti è in corso la realizzazione di nuove rimesse per attività di nautica da diporto.
Tutto ciò risale al caso del Piano Particolareggiato di Baratti e Populonia che il Comune fece redigere nel …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

«Piano Cave, aspetto la commissione aperta»

Inserito da il 17 Aprile 2014 – 08:37Nessun Commento

Maida Landi, consigliere provinciale di Forza Italia, non si arrende e attacca.

«Il muro di gomma che le istituzioni nel loro insieme hanno eretto a difesa del Piano , specialmente per quanto riguarda l’area del campigliese, non mi ha certo scoraggiata». Così la consigliera provinciale di Forza Italia Maida Landi, che nel corso della seduta di commissione del 10 aprile, indetta essenzialmente per riparlare della discarica di Monte La Poggia, ha fatto sentire le sue vivaci proteste per la velocità con cui, al contrario, si è liquidato la questione che riguarda il nostro territorio.

Maida Landi Pdl«Non bisogna usare il pretesto dei livelli occupazionali — incalza la consigliera — al contrario, bisogna rapportarsi e confrontarsi con quanto accade nel resto dell’Europa. Siamo i soli che continuano disinvoltamente a insistere su attività impattanti senza essere innovativi per davvero, nel resto d’Europa si va riducendo l’utilizzo del materiale di cava, riservandolo ai soli usi essenziali, si favorisce la trasformazione di qualsiasi tipo di rifiuto che di manodopera, si badi bene, ne impiega ben di più, ripulendo contemporaneamente l’ambiente trasformando quasi ogni tipo di rifiuto, risparmiando quindi suolo, difendendo il paesaggio, bene non riproducibile e quindi di valore inestimabile. Altro che 0,49 mc».

«Inoltre — affonda la consigliera — sono stati spesi soldi pubblici: 9 milioni di euro per la Tap da enti pubblici (Asiu e Provincia) e un altro ente pubblico (il Comune di Campiglia) con un atto dirigenziale il 6.8.2004 (ma dove sarà stata l’urgenza?) autorizzava il raddoppio dell’attività di cava e un altro ente pubblico, questa volta la Regione, fissava il costo del nostro paesaggio all’irrisoria cifra di 0.49 euro mc, rendendo così non concorrenziale l’uso del conglomix. Un’ottima programmazione, non c’è che dire. Il presidente di commissione, anche su richiesta di altri consiglieri, ha promesso una commissione aperta presso il Comune di Campiglia. La farà?».

La Nazione 17.4.2014

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.