Attuale »

4 Aprile 2021 – 11:09 |

L’associazione chiede di annullare la delibera consiliare. Il giudizio: «Ennesimo atto di urbanistica spezzatino».
Vent’anni. È il tempo che è servito per trovare il punto di caduta che ha portato all’adozione nel consiglio comunale di San Vincenzo …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

Piazzale della stazione: new look?

Inserito da il 1 Marzo 2014 – 10:584 Commenti

Grazie a Rossano Pazzagli che ha pubblicato queste due foto su Facebook, con il commento seguente:

“Qualcuno sa cosa sono? panchine? e la beffa della pensilina aperta ai venti e alle intemperie… e qualche albero non era meglio di quelle ingombranti fioriere metalliche? estro di progettisti, ovvero come sciupare un piazzale.”

  stazione panchine

stazione pensilina

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti »

  • Simona L.G. ha detto:

    secondo me quei bussolotti sono pensati per ‘mele al forno’ soprattutto d’estate.. ma, a parte gli scherzi, penso che siano posizionati, insieme alle fioriere, per non far salire le macchine su marciapiedi, visto la difficoltà della sosta: per esempio quando arrivano gli studenti. Per quello che riguarda le fioriere..no comment
    Invece il problema più grave è secondo me la pensilina d’attesa : è il modello in uso in quasi tutte le stazioni della costa verso Livorno, ma , in altri casi, sono riparate su i tre lati. La nostra, troppo alta e orientata a nord è completamente inutile ! chi l’ha provata lo sa bene.
    Il vero problema secondo me è che progettisti e amministratori non frequentano la stazione e non usano il treno.
    Parlare dei parcheggi, dell’illuminazione e della pulizia è qui fuori tema.

  • roberto ha detto:

    Vorrei ricordare che quando scrissi alcuni mesi fa una lettera sulla ‘sistemazione’ del piazzale della stazione come frutto di un modo sgangherato di fare politica ricevetti molti giudizi sferzanti.

    I piu’ tradivano il disagio di vivere, continuare a vivere in un non luogo. Quel piazzale ne e’ esempio perfetto. quando poi accennai al ridicolo cambio di nome al paese venturina, come se cio’ costituisse da se solo motivo per essere finalmente una comunita’ e non un aggregato di case, allora qualche solerte mi ricordo’ le antichissime e nobilissime e millenarie origini del luogo. a cotanta erudizione non risposi convinto sempre piu’ che la questione identitaria sia una questione che forse andrebbe affrontata con maggiore calma e ponderazione, perche’ scoprire che non si e’ quel che si vorrebbe o si proclama di essere potrebbe costituire un primo passo per recuperare la bussola da tempo smarrita. roberto mancini

  • Simona L.G. ha detto:

    a parte la forma improbabile dei nostri panchetti, mi sono ricordata che in piazza Santa Maria Novella a Firenze ci sono grandi sedute dello stesso materiale ( corden ?)che furono oggetto di satira come cuoci uova su qualche giornale locale.
    Quindi , per chi non lo sapesse, questo materiale elegante (?) fa tendenza e non è un ghiribizzo campigliese.
    Certo che architetti e compagnia non sanno più cosa inventare…sempre in peggio.

  • Antonietta ha detto:

    interessante anche la discussione su faceb !

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.