Attuale »

6 Luglio 2020 – 13:30 |

Trovata una tomba del II o I secolo a.C. Nella sepoltura un corredo di 15 pezzi tra cui spicca un anello in oro e granato. Lo scavo prosegue in zona Pulledraia.
Grande scoperta allo scavo del …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio, Documenti, iniziative

Minaccia sulle colline di Campiglia: il Presidente Rossi risponde al comitato

Inserito da il 18 Febbraio 2014 – 14:10Nessun Commento

Il 3 febbraio scorso, il Comitato per Campiglia esprimeva la sua preoccupazione per  l’assetto paesaggistico della Val di Cornia in una lettera indirizzata alla Regione Toscana, alla Provincia di Livorno, al Comune di Piombino e alla Soprintendenza. Preoccupazione motivata dalla notizia che, per il materiale da utilizzare per il nuovo porto di Piombino, ci si servirà esclusivamente di blocchi di calcare estratti dalle esistenti nel Campigliese.
Risposta immediata del Presidente della Regione Toscana che pubblichiamo integralmente:

Spettabile Comitato per Campiglia,

vi ringrazio per avermi scritto. La realizzazione del nuovo porto di Piombino va colta come opportunità di riqualificazione e di adeguamento di una infrastruttura preziosa non solo per la città di Piombino, ma per l’intero sistema portuale toscano, trattandosi di uno dei tre porti di rilevanza nazionale presenti sulla costa della nostra Regione.

Certo è che l’intervento deve avvenire, come è stato prescritto in sede autorizzativa, nel massimo rispetto del mare, del territorio e minimizzando gli impatti sulle varie matrici ambientali grazie a quanto oggi consentono le più moderne tecnologie.

In quest’ottica rientra il tema del riuso dei materiali inerti che è tra gli obiettivi del Piano Regionale delle Attività Estrattive, di Recupero delle aree scavate e di riutilizzo dei residui recuperabili.
Tant’è vero che il dimensionamento dei quantitativi da scavare a cui dovevano tendere i piani delle province poteva essere ridotto in relazione ai quantitativi di materiale recuperato.

In relazione al principio del riuso, ad esempio, è stata improntata anche la prescrizione, recepita nell’approvazione da parte del CIPE, per la realizzazione del progetto dell’ Autostrada Tirrenica dove deve essere prioritariamente considerata la possibilità di riutilizzo, per la realizzazione della sovrastruttura stradale, di miscele di materiali quali sottoprodotti o rifiuti speciali non pericolosi provenienti dalle lavorazioni industriali (quali: inerti di riciclaggio di costruzione e demolizione, loppa granulata dolce e scorie di acciaieria).

Nel valutare tale possibilità, per il materiale di cava devono essere comparativamente considerati anche i costi relativi al ripristino dei siti estrattivi e i costi ambientali in generale (es.: mitigazioni e compensazioni).

Pertanto il tema è all’attenzione della Regione Toscana e potrebbe essere esteso anche ai lavori per il porto di Piombino.

Colgo l’occasione per ringraziarvi dell’impegno e del tempo che investite nelle attività per il territorio e, soprattutto, per la serietà che contraddistingue il vostro comitato.

Con i miei più cordiali saluti,
Enrico Rossi

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.