Attuale »

10 Dicembre 2019 – 09:45 |

Al porticciolo di Baratti è in corso la realizzazione di nuove rimesse per attività di nautica da diporto.
Tutto ciò risale al caso del Piano Particolareggiato di Baratti e Populonia che il Comune fece redigere nel …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

Nuovo studio sulla costa di San Vincenzo per difenderla meglio

Inserito da il 29 Gennaio 2014 – 19:28Nessun Commento

Sarà il professor Enzo Pranzino, del dipartimento di Scienze della terra dell’Università di Firenze, a svolgere nei prossimi 18 mesi, per conto del Comune, una ricerca dinamica, morfologica e sedimentaria del litorale di . Per tale ricerca, l’ente spenderà 40mila euro. Lo ha deciso recentemente la giunta comunale.

Al termine dei 18 mesi di studio, i ricercatori guidati da Pranzino produrranno una relazione contenente l’analisi dello stato della costa effettuata anche sulla base dei dati appositamente raccolti e tramite la quale verranno fornite anche le indicazioni tecniche su eventuali interventi di difesa, nonché gli elementi utili per la redazione dei San Vincenzo scoglieradocumenti preliminari alla progettazione degli stessi. In pratica la giunta comunale ha deciso di proseguire sulla strada intrapresa nel 2008 e nel 2009, anni in cui fu affidato l’incarico per lo studio e la redazione di un progetto per la protezione della costa all’ingegner Pierluigi Aminti dell’Università di Firenze. I lavori, in tal caso, furono affidati a Sales, che ne ha eseguito il primo stralcio all’inizio dell’estate scorsa (per un costo di 409mila euro), progetto variato in corsa dai geotubi previsti (troppo costosi e troppo fragili) ai massi naturali e alle barriere soffolte.

Per l’amministrazione, l’incarico al professor Pranzino è un’iniziativa opportuna e necessaria per il controllo, la verifica, la stabilizzazione e, se possibile, anche per l’ampliamento dell’arenile di San Vincenzo. Durante l’estate scorsa, l’amministrazione si è incontrata con i dirigenti e i responsabili del settore Protezione e valorizzazione della fascia costiera e dell’ambiente marino della Regione Toscana.

I funzionari regionali hanno anche eseguito sopralluoghi lungo la costa sanvincenzina, insieme ai tecnici comunali, per verificarne lo stato. Al termine di tali incontri e sopralluoghi è emersa da parte della Regione la determinazione che per poter eseguire interventi mirati alla difesa della costa è necessario che prima sia eseguita un’analisi del litorale e del mare immediatamente antistante al fine di verificare la dinamica dei sedimenti e le caratteristiche dei fondali, in vista dell’individuazione di eventuali azioni necessarie per la salvaguardia del litorale. È stata proprio la Regione ad aver indicato Pranzino quale soggetto idoneo alla realizzazione dello studio. Il responsabile unico del procedimento è il geometra Andrea Filippi, dirigente dell’Area servizi per il territorio.

Paolo Federighi – Il Tirreno 29.1.2014

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.