Attuale »

4 Dicembre 2019 – 09:42 |

Certo non nella zona di protezione speciale delle Alpi Apuane.
L’Amministrazione comunale di Massa ha recentemente annunciato di voler riaprire ben sette cave di marmo, incurante di critiche e perplessità.

Tags: Cave

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio, Cultura, storia

“Non basta il cambio del nome” Comune dei Cittadini

Inserito da il 6 Gennaio 2014 – 13:38Nessun Commento

Abbiamo condiviso la scelta dell’amministrazione di aggiungere a Venturina il sostantivo Terme, tanto più nelle mutate condizioni dell’economia che impongono nuovi modelli di sviluppo per il futuro. Poteva sicuramente essere fatto prima, anche in questa legislatura, visto che da oltre 18 anni nei piani del Comune c’è l’ambizione di realizzare un parco termale. A differenza della maggioranza riteniamo però che non basti cambiare il nome e che manchi una coerente strategia di governo.

Un’ amministrazione che vuole davvero valorizzare le risorse termali non prevede nel 2012 una grande lottizzazione con centinaia di case intorno ai laghetti di Tufaia, davanti alle terme di Caldana. Non trascura il collegamento delle sorgenti termali con il paese di Venturina tramite la riqualificazione della vecchia Aurelia. Non trascura la funzione della stazione ferroviaria per la cui valorizzazione non bastano certo i soldi pubblici spesi a sistemare, malamente, il piazzale smarrito in una confusa e incompiuta lottizzazione.

La coerenza che serve va ben oltre, evitando in primo luogo di porre in conflitto i diversi settori dell’economia. La valorizzazione delle terme presuppone che si dia nuovo impulso al turismo basato sulle risorse endogene, come i parchi  e il sistema rurale dell’intera Val di Cornia. Richiede la tutela delle nostre colline, come sulla carta ha scritto la stessa maggioranza quando ha posto un limite allo sfruttamento delle .

Ci risulta invece che mentre festeggia il nuovo nome di l’amministrazione sia incline, senza particolari cautele, a far proseguire le cave oltre i limiti stabiliti dalle autorizzazioni e dai piani urbanistici. Lo ha già fatto soccombendo alla Regione per la riapertura delle miniere a cielo aperto della Spinosa. Lo sta facendo rifiutando la discussione su un Piano provinciale che identifica Campiglia come il “distretto delle cave”. Potremmo dirci soddisfatti di avere nel Comune di Campiglia Cave?

Sappiamo benissimo che governare le transizioni è difficile, ma sappiamo anche che, senza rigore amministrativo e concretezza, i buoni propositi restano sulla carta. Quello che proponiamo è l’apertura di un serio dibattito sul futuro della nostra economia avendo il coraggio di guardare in faccia la realtà, senza fuochi d’artificio.

Comune dei Cittadini

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.