Attuale »

26 Marzo 2020 – 08:58 | Un commento

Camerini: « Un progetto ambizioso per traghettare il nostro patrimonio millenario nel futuro»
Presto una mediateca digitale per conoscere la storia di Campiglia Marittima: un progetto senza costi, ideato e curato dall’assessore alla Cultura Gianluca Camerini.

Tags: …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Cultura, storia

A Sbrilli piace l’idea della rete etrusca

Inserito da il 29 Settembre 2013 – 13:29Nessun Commento

Una rete tra le città della dodecapoli etrusca per agevolare l’assegnazione del riconoscimento Unesco nei confronti di e Populonia. Notizia data qualche giorno fa dall’assessore ai beni culturali Ovidio Dell’Omodarme e verso la quale anche Luca Sbrilli, presidente della Val di Cornia, esprime un parere più che favorevole.

Luca Sbrilli«Certo – commenta Sbrilli – mi sembra un’ottima idea: i siti Unesco in Italia sono molti e per questo è più difficile per noi ottenerle di altri. L’unica possibilità mi pare proprio questa: inserire Populonia in una cordata di promozione di antiche capitali dell’Etruria». Per il resto è probabile che già esistano piccole collaborazioni tra queste località? «Di solito non ne facciamo. Però esistono piccole forme di promozione reciproca con alcune località dell’alto Lazio, Sovana e Vulci in particolare. E altre forme di coordinamento che riguardano la Regione, a partire dal riconoscimento della valenza regionale del museo di Cittadella. Il sistema Unesco, di cui Perugia è capofila, sarebbe molto più ampio». Eppure non è sempre stato così. «Beh – scherza la professoressa Maria Cristina Chiaramonte – come spesso accade tra toscani erano rapporti abbastanza litigiosi. Queste città non andavano molto d’accordo». I rapporti erano perlopiù di natura commerciale: le ceramiche che si trovano al museo di Cittadella, per esempio, provengono proprio da Vulci e da Tarquinia. «Populonia – conclude Chiaramonte – però ha una sua unicità dovuta al fatto di essere l’unica città etrusca sul mare, e per di più dotata di un porto». (m.m.a.)

Il Tirreno 29.9.2013

Leggi anche: Baratti patrimonio Unesco solo insieme ad altri siti – 20.9.2013

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.