Attuale »

10 Dicembre 2019 – 09:45 |

Al porticciolo di Baratti è in corso la realizzazione di nuove rimesse per attività di nautica da diporto.
Tutto ciò risale al caso del Piano Particolareggiato di Baratti e Populonia che il Comune fece redigere nel …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

«Meno consumo del territorio: il sindaco Biagi è poco credibile, per anni ha fatto altro» Sel dixit

Inserito da il 16 Giugno 2013 – 10:34Nessun Commento

«Sulla “Nazione” abbiamo letto un’interessante intervista al sindaco di — afferma il coordinamento di Sel Val di Cornia — l’interesse deriva non tanto dall’originalità di ciò che afferma quanto dal fatto che ricalca interviste simili apparse negli ultimi tempi e rilasciate da altrettanti componenti la sua giunta.

Citiamo testualmente: “Il Comune di San Vincenzo è impegnato nell’elaborazione del nuovo piano strutturale che giustamente si pone l’obbiettivo di cambiare le scelte urbanistiche del nostro comune su buoni principi di pianificazione e su criteri di riuso. Su questa strategia lavoriamo per unire tutta la comunità di San Vincenzo riposizionando su basi nuove e maggiormente qualitative lo sviluppo”.

Sentire parlare di consumo di suolo zero a chi in 10 anni ha incrementato l’edificato esistente del 75% ci appare obbiettivamente riassumibile con il classico :”chiudere la stalla quando i buoi sono scappati”o meglio prendere atto che magari suolo da utilizzare per costruire oggi ne è rimasto ben poco. Né si comprende il significato delle ripetute affermazioni sul ricompattare la città, almeno che con ciò non si voglia intendere collegare con nuove edificazioni la così detta città diffusa “per le campagne” con il del paese.

Certo è che non spetta a noi vanificare gli sforzi di cambiamento annunciati, caso mai mettere in evidenza la credibilità di chi per anni ha perseguito certi obiettivi ed alla fine ne disconosce la validità, individuando invece nell’esatto contrario di ciò che è stato fatto, il progetto futuro e attribuendo ad esso il carattere della qualità necessaria. Per anni, a chi invitava a ridurre le politiche edilizie, si è risposto con sufficienza o addirittura con la mancanza totale di considerazione e si è fatto altro».

La Nazione 16.6.2013

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.