Attuale »

19 Luglio 2020 – 13:30 |

Ultimati i lavori nella parte esterna della stazione, dotata di una nuova pensilina di vetro e acciaio sul lato piazza. Si trattava dell’ultimo intervento che ha così completato la riqualificazione, di circa cinque milioni di …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio, Documenti, iniziative

Quale progetto per Rimigliano ?

Inserito da il 7 Febbraio 2013 – 12:19Nessun Commento

L’arrogante silenzio delle istituzioni e dei politici

Da più giorni appaiono articoli sulla stampa locale che riguardano opere realizzate o da realizzare nel Parco di , sulla sua spiaggia e su via della Principessa. Ancora una volta appare chiaro come tutti gli interventi sono portati avanti da vari enti senza alcun chiaro collegamento progettuale.

Il Comune di spende € 150.000 di denaro pubblico per fare l’illuminazione della via della Principessa e trasformarla da strada storica della Maremma, in un triste viale da periferia urbana che servirà solo per chi andrà nell’albergo e nelle ville in costruzione nella Tenuta .

La Provincia spende € 770.000 di denaro pubblico per opere di protezione dell’arenile e trasformazione degli accessi al mare.

La Società lascia il Parco in totale abbandono salvo le opere minime di tutela della sicurezza dei visitatori.

Il Comitato per Campiglia ha chiesto più volte alla Regione, alla Provincia di Livorno, al Sindaco di San Vincenzo e alla Società Parchi Val di Cornia di organizzare uno o più incontri con la cittadinanza per spiegare il progetto complessivo, se esiste, che è a monte di questi disparati e costosi interventi. Nessuno ha mai risposto dimostrando ancora una volta l’arroganza delle istituzioni e della politica dei partiti nei confronti dei cittadini e quanto l’idea di vera informazione e di reale partecipazione siano distanti dalla loro cultura al di là delle chiacchiere preelettorali.

La recente Assemblea dei Comitati della ReTe coordinata a Firenze dal prof. Alberto Asor Rosa ha messo in evidenza all’interno dei Comitati una competenza tecnica e scientifica sui vari argomenti che nulla ha da inviare agli uffici tecnici della Regione, della Provincia e dei Comuni.

Esiste una “terza forza” rappresentata dalle associazioni di cittadini che non si identificano tout-court con le istituzioni e la politica dei partiti e che chiedono sempre più di potere partecipare a decidere le sorti del loro territorio.

Comitato per Campiglia

Sulla stampa:

 IL COMITATO PER CAMPIGLIA INTERVIENE SUL PROGETTO DELLA SPIAGGIA :«Rimigliano, un silenzio assordante»
«SU RIMIGLIANO ancora una volta emerge l’arrogante silenzio delle istituzioni e dei politici». A sostenerlo è il Comitato per Campiglia.««Da più giorni si parla di opere realizzate o da realizzare nel Parco di Rimigliano, sulla sua spiaggia e su via della Principessa. Ancora una volta appare chiaro come tutti gli interventi sono portati avanti da vari enti senza alcun chiaro collegamento progettuale. Il Comune di San Vincenzo spende 150.000 euro di denaro pubblico per fare l’illuminazione della via della Principessa e trasformarla da strada storica della Maremma, in un triste viale da periferia urbana che servirà solo per chi andrà nell’albergo e nelle ville in costruzione nella Tenuta.
LA PROVINCIA spende 770.000 euro di denaro pubblico per opere di protezione dell’arenile e trasformazione degli accessi al mare. La Società Parchi lascia il Parco in totale abbandono salvo le opere minime di tutela della sicurezza dei visitatori». Il Comitato per Campiglia ha chiesto più volte alla Regione, alla Provincia di Livorno, al sindaco di San Vincenzo e alla Società Parchi di organizzare uno o più incontri con la cittadinanza “per spiegare il progetto complessivo, se esiste, che è a monte di questi disparati e costosi interventi. Nessuno ha mai risposto dimostrando ancora una volta l’arroganza delle istituzioni e della politica dei partiti nei confronti dei cittadini e quanto l’idea di vera informazione e di reale partecipazione siano distanti dalla loro cultura al di là delle chiacchiere preelettorali».
La Nazione 9.2.2013

Corriere Etrusco – 8.2.2013

«Su Rimigliano silenzi e arroganza»
«Quale progetto per Rimigliano? L’arrogante silenzio delle istituzioni e dei politici». Le parole sono del Comitato per Campiglia che ricorda come, da più giorni, appaiano articoli sulla stampa locale che riguardano opere realizzate o da realizzare nel Parco di Rimigliano, sulla sua spiaggia e su via della Principessa. Ancora una volta appare chiaro come tutti gli interventi siano portati avanti da vari enti senza alcun chiaro collegamento progettuale».

«Il Comune di San Vincenzo – prosegue il Comitato – spende € 150.000 di denaro pubblico per fare l’illuminazione della via della Principessa e trasformarla da strada storica della Maremma, in un triste viale da periferia urbana che servirà solo per chi andrà nell’albergo e nelle ville in costruzione nella Tenuta.

La Provincia spende € 770.000 di denaro pubblico per opere di protezione dell’arenile e trasformazione degli accessi al mare.

La Società Parchi lascia il Parco in totale abbandono salvo le opere minime di tutela della sicurezza dei visitatori».

Il Comitato per Campiglia ricorda d’aver chiesto più volte alla Regione, alla Provincia di Livorno, al Sindaco di San Vincenzo e alla Società Parchi Val di Cornia «di organizzare uno o più incontri con la cittadinanza per spiegare il progetto complessivo, se esiste, che è a monte di questi disparati e costosi interventi. Nessuno ha mai risposto dimostrando ancora una volta l’arroganza delle istituzioni e della politica». La nota prosegue ricordando che l’assemblea dei Comitati della ReTe coordinata a Firenze dal professor Alberto Asor Rosa ha messo in evidenza all’interno dei Comitati una competenza tecnica e scientifica sui vari argomenti che nulla ha da inviare agli uffici tecnici della Regione, della Provincia e dei Comuni. «Esiste – prosegue – una “terza forza” rappresentata dalle associazioni di cittadini che non si identificano tout-court con le istituzioni e la politica dei partiti e che chiedono sempre più di potere partecipare a decidere le sorti del loro territorio».

Il Tirreno 11.2.2013

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.