Attuale »

17 Settembre 2020 – 13:30 |

Protocollo d’intesa tra Comune di Campiglia Marittima, Regione Toscana e Cave di Campiglia.
Mandato all’unanimità del consiglio comunale alla sindaca Alberta Ticciati di sottoscrivere il protocollo di intesa che vincola Comune di Campiglia Marittima, Regione e …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Cultura, storia

Un milione di euro per Populonia

Inserito da il 24 Ottobre 2012 – 10:40Nessun Commento

Pronto un milione di euro di finanziamenti ministeriali, per interventi di conservazione e valorizzazione del Parco Archeologico di Baratti e Populonia. Questa mattina il Comune di Piombino firma la convenzione con Arcus S.p.A., società per lo sviluppo dell’arte, della cultura e dello spettacolo, per la realizzazione del progetto presentato dall’amministrazione comunale insieme a Val di Cornia e alla Soprintendenza archeologica. I finanziamenti sono del Ministero per i Beni e le Attività Culturali che ha inserito il Parco archeologico di Baratti e Populonia nell’elenco degli esempi di riferimento per l’implementazione delle nuove linee guida per l’accreditamento dei archeologici e sono ripartiti su tre annualità.

Frutto di una proficua e intensa concertazione con gli enti statali preposti alla tutela e alla conservazione del patrimonio e con le università che da oltre un decennio svolgono attività di ricerca archeologica nell’area dell’antica Populonia, il progetto è stato ideato per far fronte a molteplici esigenze di tutela del patrimonio, avanzamento della ricerca e fruizione da parte dei visitatori, in termini di comprensione del dato archeologico e ampliamento dei servizi. E’ infatti articolato in tre principali tematiche: tutela, ricerca e valorizzazione, strettamente connesse tra di loro e finalizzate al miglioramento della gestione.

Attraverso la valorizzazione dei sentieri, delle aree archeologiche e dei monumenti presenti nell’area delle necropoli dell’acropoli – con maggiore attenzione alla zona dei templi, delle domus, delle Logge e il recupero del tracciato delle “mura alte” – si mira ad aumentare l’accessibilità fisica e culturale al prezioso patrimonio racchiuso all’interno del Parco. Gli interventi, da completarsi entro il 2015, sono stati programmati in modo da consentirne l’esecuzione per stralci funzionali e compatibili con l’apertura al pubblico dei servizi.

Un obiettivo di tutto il progetto è l’ulteriore ampliamento della fruizione, attraverso il potenziamento di tutti quei fattori che favoriscono la percezione delle distinte aree del parco come elementi costituenti un unico impianto urbano di lunga durata. A questo fine è prevista la valorizzazione del circuito murario della città antica con l’apertura di un nuovo percorso esterno alle mura che consenta di apprezzarne la monumentalità. A questo si aggiunge a valorizzazione dell’area dell’acropoli, laddove lo stato di conservazione dei monumenti risulta più compromesso, anche attraverso soluzioni sperimentali che facciano uso di materiali e tecnologie innovative, come la ricostruzione volumetrica delle strutture.
La Nazione 24.10.2012

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.