Attuale »

20 Febbraio 2020 – 09:34 |

Dopo una prima segnalazione fatta da un nostro lettore nel novembre del 2019 e il conseguente articolo mandato alla stampa da parte del Comitato per Campiglia sulla costruzione in atto di manufatti in legno sulla …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

Principessa, un euro all’ora per andare al mare. Istruzioni per l’uso

Inserito da il 5 Giugno 2012 – 07:187 Commenti

È stata emessa l’ordinanza relativa ai parcheggi a pagamento che si trovano su entrambi i lati del tratto extraurbano di via della Principessa e nell’area lato monte in località la Torraccia. I parcheggi sono a pagamento dal 1 giugno fino al 30 settembre nella fascia oraria che va dalle 8 alle 20 compresi i giorni festivi. Saranno esentati dal pagamento delle tariffe i veicoli appartenenti alle forze di Polizia, alle amministrazioni pubbliche, alle associazioni di volontariato e ai residenti nel Comune di . Le tariffe giornaliere sia per i giorni festivi che per feriali saranno di un euro per 1 ora, 2 per 2 ore, 3 per 3 ore, 4 per 4 ore, 4,50 per 5 ore, 5 per 6 ore e 8 oltre le 6 ore di sosta.

Sono state previste agevolazioni tariffarie per i cittadini residenti nei Comuni di Piombino, Campiglia, Sassetta e Suvereto che potranno acquistare una «parking pass» al costo di 35 euro valida per l’intera stagione balneare. Anche le strutture turistiche come alberghi, pensioni, agriturismo e campeggi che si trovano nei comuni di Piombino, Campiglia, San Vincenzo, Sassetta e Suvereto, potranno avere, per la sosta delle autovetture dei loro clienti, abbonamenti stagionali e mensili, eccetto che per le autocaravan per le quali non è ammessa la sosta lungo via della Principessa, rispettivamente al costo di 300 euro per l’intera stagione, oppure di 80 euro per il mese di giugno, 120 per i mesi di luglio e agosto e 60 per il mese di settembre. Saranno rilasciate, infine, tessere prepagate per tutti al costo di 5 euro 10, 15 e 20 mentre al costo di 55, con un carico effettivo di 75, sarà rilasciata una tessera prepagata a favore dei proprietari di immobili residenziali non destinati ad abitazione principale che si trovano nei comuni della Val di Cornia, con l’esibizione della ricevuta di pagamento dell’Ici/Imu e un documento di identità personale.
La Nazione 2.6.2012

Principessa, avvio nel caos dei parcheggi a pagamento
Per ora sono stati installati solo sei parcometri, all’incirca uno ogni 500 metri Sul lato monte ci sono ancora i vecchi cartelli che indicavano il posteggio libero.

Dal primo giugno sul viale della della Principessa – nel tratto che coincide con l’intera estensione del parco di Rimigliano e, salvo 700 metri gratuiti in coincidenza del Podere Tuscania, fino alla Torraccia – per parcheggiare si paga. E lo si farà fino al 30 settembre, sul lato mare e sul lato monte. Ma tutto, in questi primi giorni, è filato proprio liscio? Non esattamente. Intanto è da specificare un fatto: il personale della cooperativa incaricata della custodia dei parcheggi, a quanto pare, esegue soprattutto servizio di informazione, senza troppa rigidità, visto che su un tratto di strada di oltre tre chilometri interessato dai parcheggi blu, i parcometri, al momento, sono soltanto sei – tutti collocati sul lato mare, sopra il cordolo giallo di separazione tra i parcheggi e la pista ciclopedonale – e non sono dotati ancora della relativa segnaletica.

Un parcometro ogni 500 metri circa, quindi. Sul lato monte, come già abbiamo accennato, vi sono circa 700 metri liberi e non delimitati dalla striscia blu – a partire dall’altezza del Tuscania – mentre prima e dopo i posti sono tutti a pagamento, compreso il piazzale della Torraccia (sul quale non si paga ancora per l’assenza di parcometri). I parcheggi per i disabili sono a gruppi di quattro in prossimità dei parcometri, sul lato mare. Sul lato monte – e ciò trae in inganno molti – vi sono ancora collocati i vecchi cartelli che consentono il parcheggio libero e gratuito sulla banchina. Sempre sul lato monte, è disegnata una striscia continua blu lunga quanto l’intero tratto coincidente con il parco di Rimigliano (circa tre chilometri), affiancata dalla precedente, di colore bianco.

La confusione, per il turista – ma anche per i residenti nei vicini Comuni e per i sanvincenzini, alcuni dei quali hanno pagato il parcheggio nonostante in realtà siano esentati – non è trascurabile. La situazione di pericolosità della viabilità, nonostante il limite di velocità sia stato portato dal 1° giugno a 50 km/h, è la stessa già descritta l’anno scorso, e cioè alta. Solo che quest’anno, in più, chi parcheggia sul lato monte deve attraversare la strada tre volte prima di recarsi in spiaggia, e spesso in tratti in cui non vi sono strisce pedonali. La situazione di caos è destinata a crescere negli affollati mesi di luglio e agosto. Una scelta, quella di trasformare entrambi i lati di via della Principessa in parcheggi blu, che porterà nelle casse comunali 40.000 euro. A fronte, infatti, di introiti stimati in 130.000 euro – come si evince dal bilancio di previsione appena approvato – il Comune sborserà 90.000 euro per la cooperativa che custodisce i parcheggi.
Paolo Federighi – Il Tirreno 5.6.2012

Print Friendly, PDF & Email

7 Commenti »

  • luca castellini ha detto:

    roba da matti non sanno piu’ dove arrampicarsi,pure la sosta per andare al mare ci fanno pagare,tanto mica ci vanno i ricchi da quelle parti,ma i poveri coglioni e se non paghi il posteggio non ti fanno la multa,ma di sicuro ti portano via la macchina.viva la democrazia fascista.

  • martino ha detto:

    che geni lungimiranti. Con la crisi che distrugge le famiglie impongono la TASSA DI SOGGIORNO, l’IMU, i PARCHEGGI A PAGAMENTO ec..c

  • Corrado ha detto:

    Bene lo dirò ai parecchi milanesi che vengono li al mare da 20 anni… mi sa che qualcuno cambierà idea…
    Noi veniamo in quella zona perchè è un luogo meraviglioso a livello paesaggistico, perchè la spaiggia è libera… se no facciam prima ad andare a Rimini… Castiglione della Pescaia lo è già diventato… scuoal di surf, scuola di qua di là… vogliamo stare tranquilli.. in un luogo carico di ricordi e di storia.

  • Simona L.G. ha detto:

    Il pensiero di Corrado sarà condiviso da tanti turisti : quella spiaggia infatti più che dai sanvincenzini è frequentata da tanti che vengono da tutta Italia , dall’Europa e non solo.Piena di ricordi perché è un luogo che fa sognare un mondo diverso dal cemento degli stabilimenti e dalle file ordinate di ombrelloni.
    Io la conosco e amo dal 1975……
    Ora, a parte il costo, fa sognare molto meno e crea troppi problemi con quella strada pericolosa. Certamente non ci porterei mai i miei nipotini.

  • Ernesto ha detto:

    Pagare per sostare al bordo di una strada extraurbana non è pagare un parcheggio è una gabella. Domenica 3 Giugno siamo ritornati al parco di Rimigliano e abbiamo trovato due brutte sorprese: la gabella del parcheggio e sulla spiaggia anche tante serafiche (zanzare microscopiche). Insieme con noi tutti inveivano contro i succhiasoldi locali, che insieme a quelli nazionali non danno più tregua, riducendo i cittadini Italiani a poveri sudditi di uno stato sprecone governato da politici e amministratori che non si rendono conto (o non si vogliono rendere conto) delle iniquità e delle difficoltà dei cittadini a far fronte a tutte le tasse e gabelle. E nel caso della sosta sulla strada della Principessa di gabella si tratta: vogliono soldi per non darti nulla!

  • Ale scrive al CxC ha detto:

    aiuto…. spero tanto che il comitato si sia mosso contro il parcheggio a pagamento e l’illuminazione di via della principessa. è terribile!!!
    oltre a una spesa fastidiosa e antipatica, la strada diventerà illuminata e simile al ponte all’indiano di firenze. ma è questo che gli amministratori di s.vincenzo vogliono? ma da chi sono stati votati…. l’unico pezzo di toscana non cementificato …..salviamolo..

  • Simona L.G. ha detto:

    @ale,
    il CxC , il Forum di San Vincenzo, tanti cittadini protestano, ma che si può fare davanti a tanta ignorante e zotica arroganza ?
    Mi metto nei panni dei tanti , fiorentini per esempio come forse sei tu, che dopo un anno tornano per i primi giorni di vacanza a Rimigliano e trovano questo.. ‘troiaio’.
    Che tristezza e soprattutto che incazzatura !

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.