Attuale »

23 Maggio 2020 – 13:30 |

All’Università del Molise una tesi di laurea magistrale sui Parchi della Val di Cornia. Il 5 maggio si è laureata con lode in Management del turismo e dei beni culturali la dottoressa Manuela Silvestri, che …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

Futuro del parco archeologico di Baratti. Interrogazione di Monica Sgherri in Regione.

Inserito da il 28 Marzo 2012 – 21:10Nessun Commento

Futuro del parco archelologico di . I Piani delle amministrazioni locali sono adeguati alla sua valorizzazione archeologica e tutela ? Interrogazione di Monica Sgherri in Regione

Firenze, 28 marzo.
Siamo di fronte ad uno dei siti paesaggistico archeologici più rilevanti a livello nazionale e non solo, che abbisogna di un’adeguata valorizzazione in un contesto di doverosa tutela. Così Monica Sgherri – Capogruppo di “Federazione della Sinistra – Verdi” in Consiglio Regionale.

Sul tema – spiega Sgherri- l’amministrazione comunale di Piombino ha adottato un piano particolareggiato che tocca varii aspetti riguardanti il parco, come la pressione antropica e veicolare a cui è sottoposto il Parco, e soprattutto dovrebbe rappresentare uno degli strumenti principali di sviluppo e tutela – anche dal punto di vista della valorizzazione archeologica – del Parco medesimo.

A quanto appreso – spiega Sgherri – le amministrazioni locali coinvolte avrebbero invece dichiarato che gli investimenti per la valorizzazione archeologica non sono più sostenibili. Investimenti che, per altro, avrebbero potuto beneficiare di fondi provenienti da Bandi Europei e che potrebbero valorizzare un patrimonio culturale tale da poter creare anche occupazione.

Va fatta quindi chiarezza – ed è la domanda di fondo che è posta nell’interrogazione – se se le scelte operate per il Parco archeologico di Baratti attraverso il Piano particolareggiato sopra ricordato siano sufficienti e congrue per la sua conservazione e sviluppo, e conseguentemente quali eventuali azioni la Giunta Regionale – per quanto di competenza – ritenga di mettere in atto al fine di perseguire l’obbiettivo di fondo sopra ricordato, cioè la valorizzazione del patrimonio archeologico del sito in questione e della sua tutela. Tutto ciò anche in rapporto alle strutture turistiche di accoglienza, vista per altro la già adeguata presenza nell’area di strutture atte allo scopo.
Gruppo Consiliare “Federazione della Sinistra-Verdi” 28.03.2012

Leggi il documento completo dell’interrogazione scritta “In merito al futuro del parco di Baratti”

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.