Attuale »

10 Dicembre 2019 – 09:45 |

Al porticciolo di Baratti è in corso la realizzazione di nuove rimesse per attività di nautica da diporto.
Tutto ciò risale al caso del Piano Particolareggiato di Baratti e Populonia che il Comune fece redigere nel …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

L’Oasi Wwf Padule Orti-Bottagone a Piombino vince il premio nazionale “Oasi più bella”

Inserito da il 21 Dicembre 2011 – 17:12Nessun Commento

Una Riserva naturale situata in Toscana vince il premio “Oasi più bella” assegnato da EBN Italia, l’associazione italiana dei birdwatchers. Si tratta dell’Oasi Wwf Padule Orti-Bottagone a Piombino (LI), popolata da 228 specie di uccelli e sede del primo “condominio per uccelli” d’Italia (una speciale torretta di avvistamento in cui sono inseriti 154 nidi di forma e grandezza diversa) inaugurato proprio quest’anno.”

Dopo l’oasi pugliese di Le Cesine, che ha vinto il premio nel 2010, è il secondo anno consecutivo che un’Oasi del Wwf viene premiata come miglior oasi per l’osservazione degli uccelli – ha dichiarato Antonio Canu responsabile Oasi Wwf. Un riconoscimento che premia il nostro impegno ma soprattutto una spinta a fare sempre meglio. La Riserva Naturale provinciale Oasi Wwf Padule Orti-Bottagone, nasce da una felice intuizione dei volontari del Wwf Piombino e nel tempo è diventata una delle più importanti oasi umide in gestione alla nostra associazione.  Un risultato reso possibile grazie al sostegno della provincia di Livorno, a cui va il merito dell’istituzione della Riserva naturale e del concreto sostegno alla sua gestione».

L’ Oasi Padule Orti-Bottagone- hanno spiegato dal Wwf- rappresenta una preziosa testimonianza delle passate estese paludi della bassa val di Cornia. La realizzazione dell´Oasi ha preservato ambienti delicati e presenze floro-faunistiche tipiche delle zone umide costiere della costa tirrenica: la palude salmastra degli Orti con salicornia e la palude d’acqua dolce del Bottagone, con un denso canneto intercalato con stagni e prati allagati.

L’oasi per l’estensione di 126 ettari è riconosciuta, oltre che come Riserva naturale anche come Zona di protezione speciale (Zps) per gli uccelli, Sito di interesse comunitario (Sic) in base alla Rete Natura 2000 e Important bird area (Iba) codificata dal Birdlife International. «I prossimi obiettivi sono il riconoscimento dell’area come Umida d’Importanza Internazionale (Convenzione di Ramsar) così come già richiesto dal Wwf al ministero dell’Ambiente ed il conseguente ampliamento della superficie protetta» ha concluso Canu.

Lunedi 26 dicembre S.Stefano, per festeggiare l’avvenuto riconoscimento, l’Oasi sarà aperta per una visita straordinaria, con ingresso ridotto (per info telefono: 334-7584832  ortibottagone@wwf.it)

Tratto da Greenreport

Print Friendly, PDF & Email
No tags for this post.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.