Attuale »

18 Settembre 2020 – 21:01 |

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL RECUPERO E LO SVILUPPO DEL PATRIMONIO AMBIENTALE, INDUSTRIALE, ARCHEOLOGICO E CULTURALE DELL’AREA MONTE CALVI, CAMPIGLIA M.ma
Nell’incontro pubblico di lunedì 14 settembre, il sindaco di Campiglia, d.ssa Ticciati, ha illustrato i …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

Principessa: Appello per spostare la pista ciclabile dentro il parco

Inserito da il 12 Ottobre 2011 – 12:53Nessun Commento

Caotica, pericolosa, intasata, stretta e bellissima. Via della Principessa, quando non è ingolfata d’auto, è bellissima. Eppure abbiamo dimostrato due mesi fa, documenti alla mano, che non esistono i requisiti minimi di legge per la percorribilità dell’infrastruttura a 70 km/h. Tutti hanno chiaro che la pista ciclabile appiccicata al parcheggio è la peggior soluzione che si potesse trovare, che i posti auto creano intralcio alla circolazione e mettono a repentaglio l’incolumità dei cittadini.

Sapevamo bene che non sarebbe stato possibile intervenire prima di settembre. In piena stagione, l’ultima cosa da fare era quella di aprire un cantiere sulla Principessa, anche se limitare il traffico alla velocità di 50 Km/h come previsto dal Codice della Strada per le corsie di 2,75 m di larghezza, sarebbe stato doveroso.

Ormai l’alta stagione è alle spalle, persino settembre è un ricordo piuttosto lontano e se l’Amministrazione non mette immediatamente in campo un progetto serio e di alto profilo per ricollocare all’interno del parco di Rimigliano la pista ciclabile con una migliore fruibilità dei ciclisti e una maggiore sicurezza per tutti, rischiamo di ritrovarci anche nel 2012 una Via della Principessa da incubo.

Le modalità possono essere diverse.
Si possono prevedere due tracciati al posto dell’unica pista ciclabile che esiste lungo via della Principessa. Il primo dovrebbe passare dall’interno della Tenuta, sfruttando l’affascinante viale dei Cavalleggeri, il secondo all’interno della fascia a mare di Rimigliano. Volendo fare un bell’intervento pubblico, si potrebbe far entrare la ciclabile in corrispondenza del Garden Club e si potrebbe attraversare il Fosso di Botro ai marmi con un leggero ponte in legno proseguendo dunque su sentieri esistenti che tutti conosciamo all’interno della fascia a mare. Con l’uso di materiali adeguati l’impatto sarebbe vicino allo zero e il pregio di una simile opera non potrebbe essere messo neppure a confronto con l’attuale pista ciclabile.

Ovviamente abbiamo scritto tutto al condizionale. Queste le nostre proposte. Vedremo nel prossimo consiglio cosa risponderà l’Amministrazione.

Nicola Bertini
Forum del centrosinistra per

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.