Attuale »

18 Settembre 2020 – 21:01 |

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL RECUPERO E LO SVILUPPO DEL PATRIMONIO AMBIENTALE, INDUSTRIALE, ARCHEOLOGICO E CULTURALE DELL’AREA MONTE CALVI, CAMPIGLIA M.ma
Nell’incontro pubblico di lunedì 14 settembre, il sindaco di Campiglia, d.ssa Ticciati, ha illustrato i …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Cultura, storia

L’archeologia industriale al servizio del futuro: la conoscenza produce ricchezza

Inserito da il 19 Agosto 2011 – 07:07Un commento

Valorizzare il territorio come risorsa per il turismo della Regione
Termoli. industriale: sono i segni del lavoro  dell’uomo come mulini, frantoi, fornaci e trabucchi. Se ne è discusso al Trabucco blu, l’altro ieri sera, in una location singolare, che tra intervalli musicali e assaggi di prodotti molisani ha attirato un pubblico numeroso, di curiosi, oltre che di studenti e professionisti. Gli interventi dei professori Parisi, Zilli, Pazzagli dell’Università del Molise e di Marinangela Bellomo dell’Aipai – Associazione italiana per il patrimonio archeologico industriale – sono ruotati intorno al valore del territorio e del suo sviluppo. Sono partiti dal presupposto che sia necessario discuterne anche la di fuori dei luoghi deputati, coinvolgendo la gente, perché la conoscenza è il primo passo per poter apprezzare e quindi valorizzare il territorio. Lo scopo dell’Associazione, infatti, è rendere consapevoli la popolazione e le amministrazioni di questi beni per poterli reimpiegare in chiave turistica e culturale.

“In Molise, ci ha detto il professor Rossano Pazzagli, con tante tracce del lavoro agricolo e della pesca, l’archeologia industriale può avvalorare l’identità della regione e costituire una risorsa utile per pensare al futuro”. Se tutelati e sviluppati, i segni del lavoro possono portarci ad un’integrazione tra le diverse risorse del territorio, che potrebbe diventare la chiave di volta del turismo in Molise: puntare sul paesaggio e sul turismo, infatti, non può essere solo adeguarsi passivamente ai modelli preconfezionati. ‘archeologia, dunque, crea coscienza per valorizzare il territorio e renderlo, per noi e per le generazioni future, fonte di ricchezza.  P.C.

Da “Il Quotidiano del Molise”

Print Friendly, PDF & Email
No tags for this post.

Un commento »

  • Simona ha detto:

    mah ! nel sempre criticato sud si conservano le memorie dell’architettura industriale e si valorizzano , nella Toscana tanto lodata invece si distrugge l’architettura che è già storia : l’altoforno n.1 a Piombino, Le Laverie dello stagno a MonteValerio ( a proposito complimenti x il video !!!).
    Si cerca di stravolgere Baratti, si distruggerà la tenuta di Rimigliano !!
    Non c’è più religione !

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.