Attuale »

6 Luglio 2020 – 13:30 |

Trovata una tomba del II o I secolo a.C. Nella sepoltura un corredo di 15 pezzi tra cui spicca un anello in oro e granato. Lo scavo prosegue in zona Pulledraia.
Grande scoperta allo scavo del …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio, Documenti, iniziative

Il Casone non si tocca

Inserito da il 25 Luglio 2011 – 11:00Nessun Commento

Comunicato Comitato per Campiglia e Comitato Giù le mani da
Mercoledì 20 luglio l’assessore Francardi ha comunicato al pubblico presente al Rivellino che il piano Particolareggiato per l’area archeologica di Populonia e Baratti è in fase di completamento e che è stato accolto quanto emerso dal percorso partecipativo : ridimensionamento della “porta” alle Caldanelle, blocco delle concessioni balneari sull’arenile, annullamento della previsione di un bagno privato accanto a “Canessa”, eliminazione delle costruzioni presenti nella pineta ma MANTENIMENTO DELLA DESTINAZIONE ALBERGHIERA per il CASONE (peraltro praticamente intoccabile visti i vincoli archeologici e paesaggistici !!).

Decisione questa INACCETTABILE per i Comitati che si sono battuti perché questo luogo simbolo di Baratti avesse un uso di valenza pubblica e culturale, posizione per altro condivisa dalla maggioranza dei cittadini che hanno preso parte al percorso partecipato.

In netto contrasto anche con i dichiarati studi di approfondimento al Piano sugli aspetti archeologici, ambientali e naturalistici per permettere il mantenimento delle vocazioni primarie di questo territorio e l’annuncio dell’avvio del procedimento di esproprio di circa 20 ha di aree archeologiche nel promontorio di Populonia e sotto la villa del Barone . Decisioni nate forse dopo gli approfondimenti voluti dai cittadini sul reale valore del golfo che non deve puntare solo il turismo balneare estivo, ma piuttosto su un turismo culturale che permetterà di avere presenze durante buona parte dell’anno.

I comitati chiedono che il nuovo Piano e i nuovo studi di accompagnamento siano resi pubblici prima dell’Adozione del Piano stesso. Questa anticipazione, suggerita per altro dallo stesso garante regionale prof. Massimo Morisi, permetterebbe a tutti, e specialmente a chi ha lavorato nel percorso partecipativo, di vedere e analizzare quanto fino dall’inizio della vicenda il Comitato per Campiglia ed il Comitato giù le mani da Baratti avevano richiesto.

Per verificare che le scelte del nuovo Piano Particolareggiato siano aderenti ai valori reali del territorio, in modo da lasciare a chi verrà dopo di noi un ambiente nel quale restino vivi quei valori identitari che, se ben tutelati e promossi, possono diventare fonte di una ricchezza duratura.

Comitato per Campiglia
Giù le mani da Baratti

Sulla stampa:

«Giù le mani dal Casone. No all’albergo» I comitati difendono il simbolo di Baratti
«Il Casone non si tocca». Tornano alla carica il comitato «Giù le mani da Baratti» e il «Comitato per Campiglia» dopo l’annuncio dell’assessore Luciano Francardi sul mantenimento della destinazione alberghiera per il Casone. «L’assessore ha comunicato al Rivellino che il piano particolareggiato per l’area archeologica di Populonia e Baratti è in fase di completamento e che è stato accolto quanto emerso dal percorso partecipativo: ridimensionamento della “porta” alle Caldanelle, blocco delle concessioni balneari sull’arenile, annullamento della previsione di un bagno privato accanto a “Canessa”, eliminazione delle costruzioni presenti nella pineta ma mantenimento della destinazione alberghiera per il Casone. Decisione questa inaccettabile per i Comitati che si sono battuti perché questo luogo simbolo di Baratti avesse un uso di valenza pubblica e culturale, posizione per altro condivisa dalla maggioranza dei cittadini che hanno preso parte al percorso partecipato».
«Tutto ciò in netto contrasto — incalzano i comitati — anche con i dichiarati studi di approfondimento al Piano sugli aspetti archeologici, ambientali e naturalistici per permettere il mantenimento delle vocazioni primarie di questo territorio e l’annuncio dell’avvio del procedimento di esproprio di circa 20 ettari di aree archeologiche nel promontorio di Populonia e sotto la villa del Barone. Decisioni nate forse dopo gli approfondimenti voluti dai cittadini sul reale valore del golfo». I comitati chiedono che il nuovo Piano e i nuovi studi di accompagnamento «siano resi pubblici prima dell’adozione del piano stesso. Questa anticipazione, suggerita per altro dallo stesso garante regionale Massimo Morisi, permetterebbe a tutti, e specialmente a chi ha lavorato nel percorso partecipativo, di vedere e analizzare quanto fino dall’inizio della vicenda il Comitato per Campiglia ed il Comitato giù le mani da Baratti avevano richiesto».
m. p. La Nazione 25.7.2011

 

Comitati contro l’assessore Francardi: «Inaccettabile trasformare il Casone in un albergo»
«Il Casone non è un albergo». È questa la reazione del Comitato per Campiglia, di fronte all’ipotesi di trasformare la struttura affacciata sul golfo di Baratti in un mega hotel, così come ribadito dall’assessore all’urbanistica Luciano Francardi, in un incontro pubblico svoltosi mercoledì scoro al Rivellino. «SI tratta di una decisione inaccetabile – si legge in una nota del Comitato – per quanti si sono battuti perché questo luogo simbolo di Baratti avesse un uso di valenza pubblica e culturale».
Il Comitato giudica questa scelta in netto contrasto con i dichiarati studi di approfondimento al Piano sugli aspetti archeologici, ambientali e naturalistici del territorio e con l’annuncio dell’avvio del procedimento di esproprio di circa 20 ettari di aree archeologiche nel promontorio di Populonia e sotto la villa del Barone.
«Il golfo – prosegue la nota – non deve puntare solo sul turismo balneare estivo, ma piuttosto su un turismo culturale che permetta di avere presenze durante buona parte dell’anno».
I comitati chiedono che il nuovo Piano e i nuovo studi di accompagnamento siano resi pubblici prima dell’adozione. «Tutto ciò per verificare che le scelte del nuovo Piano particolareggiato siano aderenti ai valori reali del territorio, in modo da lasciare a chi verrà un ambiente nel quale restino vivi i valori identitari».
Il Tirreno 25.7.2011

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.