Attuale »

17 Agosto 2019 – 08:32 |

In dodici anni di attività il Comitato per Campiglia ha cercato di dare ai cittadini le informazioni, troppo spesso passate sotto silenzio, su quanto accadeva in merito alle scelte urbanistiche e alla tutela, studio e …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

Variante Rimigliano, i comitati promettono guerra

Inserito da il 28 Giugno 2011 – 12:45Un commento
«Le controdeduzioni a Regione, Forum a tutti gli altri soggetti che hanno presentato osservazioni alla variante per il piano della Tenuta, sono in via di ultimazione. Per nostra esclusiva volontà, faremo un passaggio in Regione. Il piano sarà finalmente approvato alla fine di luglio». Ha detto, al termine dell’ultimo consiglio, l’assessore all’urbanistica Alessandro Bandini. Entro un mese la pluridecennale vicenda della Tenuta di , dal 2004 di proprietà del costruttore venturinese Maurizio Berrighi, in società con Antinori, Falck e Pecci.

La “Poggettino srl” – questo il nome della società – acquistò la Tenuta per circa 23 milioni di euro superando la “Lazzi” nel corso di una combattuta asta fallimentare successiva al crollo della Parmalat.Vi sono previste circa 180 abitazioni ed un hotel 5 stelle di 6.000 mq.

Nonostante la relativa tranquillità di Bandini e amministrazione, la sensazione è che la vicenda sia lungi dal chiudersi. Comitati e gruppi politici, hanno già annunciato iniziative contro la realizzazione del piano. La stessa Regione, che a gennaio, in 18 pagine di osservazioni, aveva “smontato” pezzo per pezzo il piano, non sembra decisa a cedere alle volontà di Comune e nuova proprietà. Massimo Morisi, garante regionale, afferma di «aver sollecitato più volte il Comune alla consegna delle controdeduzioni. Solo dopo l’avvenuta ricezione, la Regione deciderà il da farsi».

Massimo Zucconi, di Comune dei cittadini, insieme a Forum, Comitato per Campiglia e comitato Giù le mani da Baratti, promette battaglia: «Siamo in presenza – dice – del più clamoroso scempio del territorio rurale di valore paesaggistico che componeva il sistema dei parchi delineato negli anni Ottanta. Gli episodi che contraddicono le scelte di quella felice stagione sono due: aver autorizzato, nel 2002, il raddoppio di escavazioni a Monte Calvi, sopra il parco di San Silvestro, l’aver autorizzato nel 1997 la costruzione di un grande albergo nella Tenuta di Rimigliano che sarebbe dovuta diventare parco naturale, e l’aver trasformato, nel 2010- ’11, quelle previsioni nella costruzione di un albergo più piccolo e di 180 ville in quella che fu una tenuta agricola».

PAOLO FEDERIGHI
Il Tirreno 28.6.2011

Print Friendly, PDF & Email

Un commento »

  • Francesco ha detto:

    Non so perchè certi soggetti siano interessati a portare avanti i loro progetti contro tutto e tutti. E’ una malattia che ha preso il centro – sinistra negli ultimi 10 anni soprattutto e so per esperienza che poi dietro si sono aperti scenari “marci”. E’ stato cosi per la caserma dei Carabinieri a Firenze per la vicenda del centro di rottamazione di Via del Ferrale dove si è scoperto che tutto passava da una società che si chiamava Quadra che faceva capo al capogruppo dei Ds di Firenze. Con questo non voglio affermare che questi affari siano sporchi… ma un indagine approfondita farebbe chiarezza e sarebbe meglio anche per gli amministratori in primis che vedrebbero messi in chiaro i loro intenti. Noi del movimento Cinquestelle lo affermiamo da tempo che ogni seduta del Consiglio comunale deve aver la possibilità di essere seguita attraverso le telecamere e non è per sfiducia ma per chiarezza. Gli amministratori sono dei nostri dipendenti e devono fare sempre la volontà dei loro datori di lavoro (cioè noi) e, quando questo non avviene non si deve guardare in faccia nessuno e chiedere un indagine può essere appunto una buona occasione per fare chiarezza.

    Ciao a tutti

    Pagliai Francesco

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.