Attuale »

4 Dicembre 2019 – 09:42 |

Certo non nella zona di protezione speciale delle Alpi Apuane.
L’Amministrazione comunale di Massa ha recentemente annunciato di voler riaprire ben sette cave di marmo, incurante di critiche e perplessità.

Tags: Cave

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

«Casone, struttura ricettiva per giovani e naturalisti» – L’identikit dei gruppi del percorso partecipato

Inserito da il 21 Febbraio 2011 – 19:09Nessun Commento

Il Casone è l’identità di . Sì all’orto, no a piscina né a pannelli fotovoltaici». Partendo da qui i gruppi del percorso partecipato sul piano hanno “disegnato” un identikit di cosa dovrebbe diventare il Casone. Una sintesi che individua nella destinazione d’uso “polifunzionale”, una soluzione accettabile. E quindi il 3 marzo, nell’assemblea conclusiva, per il Casone si parlerà della «creazione di una struttura ricettiva non di lusso, di una struttura di accoglienza a prezzi contenuti che possa ospitare giovani, studenti, archeologi, turisti orientati all’esplorazione della natura (per esempio ciclo-turisti) o turismo culturale. Ma anche alla creazione di una struttura di accoglienza aperta, accessibile e che ben si integri con le peculiarità del luogo valorizzandone i pregi archeologici, naturalistici e paesaggistici».

I gruppi hanno anche individuato «all’interno del Casone spazi adibiti a servizi di tipo culturale – ad esempio riservando uno spazio per convegni e per seminari nel quale possano essere ospitati studiosi delle università e gruppi scuola – che valorizzino gli aspetti identitari del contesto di Baratti, contribuendo a favorire la destagionalizzazione del turismo». Si sono individuati anche criteri “rigorosi” per il restauro «in modo da conservarne le caratteristiche dal punto di vista estetico e strutturale».

Si chiede poi di «mantenere e valorizzare elementi costituenti l’identità del Casone quali ad esempio l’orto e i campi agricoli e di porre il vincolo di completa inedificabilità per tutta l’unità poderale compresi i terreni agricoli di pertinenza – oltre – a vietare l’accorpamento, il riutilizzo dei volumi eventualmente dimessi, l’installazione di pannelli solari e la costruzione di piscine (sia interne che esterne). E a vietare la realizzazione di parcheggi privati.

m. p.

La Nazione 23.2.2011

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.