Attuale »

23 Maggio 2020 – 13:30 |

All’Università del Molise una tesi di laurea magistrale sui Parchi della Val di Cornia. Il 5 maggio si è laureata con lode in Management del turismo e dei beni culturali la dottoressa Manuela Silvestri, che …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Cultura, storia

«Quella lapide un dono a tutto il paese» (Il proprietario della casa)

Inserito da il 11 Febbraio 2010 – 21:42Nessun Commento

Per Farina era giusto far conoscere a tutti l’esistenza della stele

Le iscrizioni rendono più ricche la storia di un paese. Ne è certo Silvano Farina che, dopo le polemiche sollevate dal Comitato per Campiglia, spiega il perché dell’apposizione della lapide dedicata a Leopoldo II sulla sua casa in via Parenti.

Una risposta, da una parte, al Comitato. «Non mi sono preso la briga di contestare quello che dice il Comitato circa la falsità o meno della lapide – dice il signor Farina – perché non ho gli strumenti per farlo. E anche il fatto che l’abbia voluta togliere dalla cucina di casa mia non è un fatto criticabile. Ho voluto condividere con la città una parte della nostra storia».

Silvano Farina quindi, ha chiesto il permesso il Comune, che ha concesso al campigliese di mettere la lapide sulla facciata di casa. «Ho ritenuto opportuno far conoscere al Comune l’esistenza di quel marmo – aggiunge – senza lasciare che ad ammirarla fossero soltanto le persone che mangiavano nella mia cucina. Le iscrizioni rendono più ricca la storia di un paese e non devono essere relegate in cantine, cucine o sottoscala, senza essere condivise con gli altri».

F.G.
Il Tirreno 11.2.2010

Print Friendly, PDF & Email
No tags for this post.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.