Attuale »

18 Settembre 2020 – 21:01 |

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL RECUPERO E LO SVILUPPO DEL PATRIMONIO AMBIENTALE, INDUSTRIALE, ARCHEOLOGICO E CULTURALE DELL’AREA MONTE CALVI, CAMPIGLIA M.ma
Nell’incontro pubblico di lunedì 14 settembre, il sindaco di Campiglia, d.ssa Ticciati, ha illustrato i …

Leggi tutto
Ambiente, paesaggio

Documenti relativi all’urbanistica, l’ambiente, il paesaggio, l’agricoltura.

Cultura, storia

Tutela del patrimonio culturale, storico e archeologico di Campiglia e della Val di Cornia.

Foto, video, audio

La mediateca del CxC: gallerie fotografiche, filmati e files audio pubblicati sul sito.

Documenti, iniziative

Biblioteca del CxC: comunicati, corrispondenza, osservazioni, incontri pubblici.

Varie

Informazioni pubblicate sul sito che non entrano nelle categorie precedenti.

Home » Ambiente, paesaggio

LAVORIERE : l’impianto per il betonaggio crea problemi alla falda idrica

Inserito da il 7 Settembre 2009 – 13:54Nessun Commento

Interpellanza di Comune dei cittadini

I problemi della campagna campigliese sono al centro di un’interpellanza presentata dal gruppo di minoranza Comune di cittadini, in cui si chiedono chiarimenti sul funzionamento dell’impianto di betonaggio e sulla carenza di acqua per usi agricoli in località .

È stato un «gravissimo errore urbanistico – secondo il gruppo d’opposizione – l’aver previsto una nuova area produttiva per la lavorazione degli inerti in aperta campagna, in una zona agricola senza nessuna urbanizzazione, con una viabilità inadeguata e con problemi di salinizzazione della falda». Perché, si chiede, non utilizzare la zona per insediamenti produttivi di Campo alla Croce, già urbanizzata da anni?

I problemi alle Lavoriere, secondo Comune dei cittadini, non sarebbero limitati alla convivenza tra l’impianto di betonaggio e le attività agricole ed al transito di mezzi pesanti su strade non idonee, ma estesi allo stato idrico della zona. Per ovviare all’impoverimento della falda, con i connessi effetti sulla subsidenza e di ingressione salina nelle falde – afferma il gruppo di opposizione – l’approvvigionamento di acqua per usi industriali doveva essere assicurato prevalentemente dalle acque di scarico del depuratore di Campo alla Croce. Invece, secondo l’interpellanza, le aziende agricole vicine all’impianto di betonaggio lamentano un peggioramento dell’acque dei pozzi esistenti, con precarie possibilità di utilizzarle per fini agricoli.

Quanta è stata l’acqua prelevata dal pozzo dell’area – si chiede nell’interpellanza – e quale la sequenza dei consumi di acqua potabile dall’avvio dell’attività dell’impianto di betonaggio a oggi? Quanta la quantità di acqua di scarico erogata fino ad oggi dal depuratore di Campo alla Croce? Non è opportuno – si sostiene – affrontare urgentemente la creazione di invasi per l’intercettazione delle acque superficiali per aumentare la disponibilità idrica per usi irrigui?

F.R.

7 settembre 2009

Il Tirreno

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto, o trackback dal tuo sito. Puoi anche Comments Feed via RSS.

Sii carino Non fare Spam!

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un blog che supporta i Gravatar. Se li vuoi utilizzare registrati su: Gravatar.